Venerdì 26 Febbraio 2021, ore 20.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dividendi giù del 12,2% nel 2020. Cauto ottimismo per quest'anno

E' quanto emerge dal Janus Henderson Global Dividend Index

Finanza ·
(Teleborsa) - Il 2020 verrà ricordato per la pandemia di Covid-19 e per i suoi pesanti impatti sull'economia e sulla finanza, che hanno portato inevitabilmente ad un taglio dei dividendi a livello globale, anche per le sollecitazioni delle autorità monetarie e di vigilanza, che ad esempio hanno imposto alle banche di non dar corso alla distribuzione dei dividendi in via cautelativa.



Le dimensioni di questo taglio, a livello globale, sono sintetizzate dall'ultima edizione del Janus Henderson Global Dividend Index, da cui emerge che la pandemia ha ridotto i dividendi di 220 miliardi di dollari, anche se la flessione è stata meno grave di quanto si temesse. Complessivamente le distribuzioni sono diminuite del 12,2% a 1.260 miliardi di dollari, pari a un calo sottostante del 10,5%, ma il quarto trimestre si è rivelato migliore del previsto. Un'azienda su otto ha annullato del tutto la cedola e una su cinque ha ridotto il dividendo, ma due terzi hanno aumentato o mantenuto stabili i dividendi.

GLI USA BATTONO "THE OLD CONTINENT"

A livello geografico, in Nord America i dividendi hanno evidenziato un'ottima tenuta, raggiungendo un nuovo record. I tagli ai dividendi sono stati più pronunciati nel Regno Unito, in Europa e in Australia.

I settori bancario, petrolifero, minerario e dei beni voluttuari sono stati i più penalizzati, mentre quelli tradizionalmente difensivi, come le vendite al dettaglio di prodotti alimentari, i prodotti personali e quelli farmaceutici, sono stati meno impattati

UN 2021 CHE OFFRE SPERANZE

Per il 2021, lo scenario più favorevole di Janus Henderson prevede un aumento dei dividendi del 5% ad un totale di 1.320 miliardi di dollari, ossia un incremento sottostante del 2%, ed include un primo trimestre 2021 un po' fiacco, in cui le distribuzioni continueranno a diminuire. Lo scenario peggiore invece vede dividendi in calo del 2% su base complessiva, con una flessione sottostante del 3%.

"In Italia, nel 2020, i dividendi hanno subito un calo del 41%, in linea con altri Paesi Europei, con circa la metà delle società che hanno tagliato o sospeso l’erogazione della cedola, principalmente nel settore bancario a causa del divieto imposto dalle autorità di vigilanza", ha spiegato Federico Pons, Country Head per l’Italia di Janus Henderson. Quello bancario - ha aggiunto - non è stato l'unico settore penalizzato ed è stato accompagnato dal settore delle infrastrutture per i trasporti ed il comparto petrolifero.

"Le prospettive per il 2021 rimangono incerte, data la pandemia in corso - sottolinea Pons - ma stiamo intravedendo i primi segnali positivi a partire dall'andamento dello spread. Dal mese di aprile dovremmo assistere ad una ripresa dei dividendi, complice un atteso miglioramento dell’economia globale in concomitanza con il proseguire dei programmi di vaccinazione e con l’allentamento delle restrizioni. Per i prossimi mesi ci attendiamo una progressiva crescita trainata dal nuovo corso di Biden, destinato ad avere ripercussioni positive anche al di là dei confini americani, e dal Recovery fund, che vede l'Italia come principale Paese beneficiario delle risorse insieme alla Spagna".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.