Martedì 11 Maggio 2021, ore 00.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

MEF, entrate tributarie 2020 in flessione del 5,3% per calo PIL e misure emergenza

Il 2021 si è aperto con un calo del 3,1% a gennaio. Ancora in forte diminuzione le entrate tributarie erariali derivanti da attività di accertamento e controllo

Economia ·
(Teleborsa) - Le entrate tributarie italiane si sono attestate a 446,7 miliardi di euro nel 2020, in calo del 5,3% rispetto al 2019 riflette sia per il calo dell’attività economica che per gli effetti delle misure adottate dal Governo in corso d’anno per fronteggiare l’emergenza sanitaria, ha comunicato oggi il Ministero dell'economia e delle finanze.

Tra le misure che più hanno inciso, sottolinea il MEF, ci sono il decreto di aprile 2020 che ha disposto il rinvio dei versamenti tributari e contributivi e i quattro decreti legge autunnali, i cosiddetti decreti ristori, che hanno disposto ulteriori interventi espansivi.

Nel 2020, le imposte dirette ammontano a 252.572 milioni di euro, e risultano nel complesso sostanzialmente in linea con quelle del 2019 (+23 milioni di euro). Il gettito dell’IRPEF si è attestato a 187.436 milioni di euro in riduzione di 4.178 milioni di euro (-2,2%). L’IRES, che risente dell’andamento negativo dell’acconto (-2,8%), si è ridotta di 170 milioni di euro (-0,5%). I versamenti a saldo hanno segnato un incremento dell’8,3%. Tra le altre imposte dirette vanno segnalati gli incrementi delle entrate dell’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (+1.615 milioni di euro) e di quelle relativa all’imposta sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione (+1.129 milioni di euro).

Le imposte indirette ammontano a 194.224, con una diminuzione tendenziale di 25.206 milioni di euro (pari al -11,5%). Alla dinamica negativa ha contribuito la riduzione dell’IVA (-13.227 milioni di euro, -9,7%), e, in particolare, della componente di prelievo sugli scambi interni (-9.377 milioni di euro, –7,6%) e di quella sulle importazioni (-3.850 milioni di euro, -27,7%).



Le entrate relative ai "giochi" ammontano, nel 2020, a 10.510 milioni di euro (-5.095 milioni di euro, -32,6%). Le entrate tributarie erariali derivanti da attività di accertamento e controllo si sono attestate a 8.854 milioni (-4.462 milioni di euro, pari a -33,5%) di cui 3.977 milioni di euro (-2.940 milioni di euro, -42,5%) affluiti dalle imposte dirette e 4.877 milioni di euro (-1.522 milioni di euro, -23,8%) dalle imposte indirette.

Nel mese di gennaio 2021, le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 36.508 milioni di euro, segnando una diminuzione di 1.179 milioni di euro rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (-3,1%). Le imposte dirette segnano una lieve variazione in aumento dello 0,3%, mentre le imposte indirette registrano un calo del 10,9%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.