Martedì 22 Giugno 2021, ore 15.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Inail, morti sul lavoro in crescita nel 1° trimestre (+11,4%)

Economia ·
(Teleborsa) - Cresce nel primo trimestre il numero die morti sul lavoro (+11,4%) mentre calano le denunce di infortuni (-1,7%) e malattie professionali (-3,7%). E' quanto emerge dagli "open data" pubblicati dall'Inail che sono ancora influenzati da dalla pandemia di Covid-19ed in particolare dalla seconda ondata.



Le vittime sono 185

Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Istituto entro il mese di marzo sono state 185 (19 in più rispetto alle 166 denunce registrate nel primo trimestre del 2020) con un aumento dell'+11,4%.

Dall’analisi territoriale emerge un aumento di due casi mortali nel Nord-Ovest (da 45 a 47), di quattro nel Nord-Est (da 34 a 38) e di 11 casi sia al Centro (da 23 a 34) che al Sud (da 47 a 58). Nelle Isole, invece, si registra un calo di nove decessi (da 17 a 8). Le regioni che presentano l’aumento più consistente sono il Lazio (+12 casi), l’Abruzzo (+8), la Lombardia (+6) e la Campania (+5), quelle con il maggior decremento Sicilia (-7 casi), Piemonte e Puglia (-4 decessi per entrambe).

Meno infortuni e malattie professionali

Le denunce di infortunio sul lavoro sono state 128.671, in diminuzione di oltre duemila casi (-1,7%) rispetto alle 130.905 del primo trimestre del 2020. Il calo è la sintesi di una riduzione delle denunce osservato nel primo bimestre (-12%) e di un aumento nel mese di marzo (+35%) nel confronto tra i due anni.

Tra i settori economici si distingue ancora quello della "Sanità e assistenza sociale", che nel primo trimestre 2021 presenta un aumento del 75% degli infortuni avvenuti in occasione di lavoro rispetto al pari periodo del 2020. Dall’analisi territoriale emerge una diminuzione delle denunce nel Nord-Ovest (-5,6%), al Sud (-2,7%), nelle Isole (-2,4%) e al Centro (-0,4%).

Le denunce di malattia professionale sono state 13.583, oltre 500 in meno rispetto allo stesso periodo del 2020 (-3,7%), sintesi di un calo del 26% nei primi due mesi e di un aumento del 62% nel solo mese di marzo nel confronto tra i due anni. Decrementi si sono registrati nell’Industria e servizi (in calo del 3,3%, da 11.634 a 11.248 casi), in Agricoltura (-4,0%, da 2.303 a 2.210) e nel Conto Stato (-23,8%, da 164 a 125).


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.