Martedì 15 Giugno 2021, ore 23.46
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Covid, negli Stati Uniti i contagi da inizio pandemia hanno superato quota 32,5 milioni

Impennata giornaliera di casi e decessi in Brasile però con la curva epidemiologica che rallenta. Modi in India rifiuta di imporre il lockdown duro.

Economia, Salute e benessere ·
(Teleborsa) - I casi di Covid-19 accertati negli Stati Uniti hanno superato quota 32,5 milioni. Secondo i dati della Johns Hopkins University inoltre sono 578.319 i decessi nel Paese. Tra gli Stati americani, il bilancio peggiore è quello presentato dalla California con 3.748.000 casi e 61.985 morti.

Quasi tremila morti (2.966) di Covid oggi in Brasile a fronte di 77.359 nuovi casi. Il numero totale di vittime ha così raggiunto 411.588, mentre il numero di contagi si attesta a 14,8 milioni. Nonostante i numeri al rialzo registrati nelle ultime 24 ore, arrivano comunque segnali incoraggianti dalla curva epidemiologica che sta rallentando leggermente dopo che marzo e aprile sono stati i mesi più letali di una pandemia aggravata dall'emergere di nuove varianti più infettive. La media giornaliera di casi negli ultimi sette giorni è stata di 58.587, dopo aver superato i 77.000 al giorno alla fine di marzo, mentre il numero di morti è di circa 2.300, dopo aver superato i 3.000 al giorno a metà aprile.

L'India ha registrato un nuovo record negativo nell'emergenza coronavirus: 3.780 persone sono infatti morte nelle ultime 24 ore, secondo i dati diffusi dal Ministero della Sanità riportati dal Guardian. I nuovi casi di Covid-19 sono 382.000. Resta ferma la posizione del premier Narendra Modi che non cede alle pressioni dell'opposizione che chiede di imporre un lockdown nazionale duro: il timore sono le ripercussioni sull'economia.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.