Facebook Pixel
Sabato 31 Luglio 2021, ore 11.56
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

IEA, domanda petrolio ai livelli pre-pandemia entro la fine del 2022

Finanza ·
(Teleborsa) - La domanda mondiale di petrolio dovrebbe tornare ai livelli pre-pandemia entro la fine del 2022, con un aumento di 5,4 milioni di barili al giorno (MB/giorno) nel 2021 e di ulteriori 3,1 MB/giorno l'anno prossimo. È quanto si legge nell'Oil Market Report del mese di giugno dell'IEA, l'Agenzia internazionale dell'energia. Secondo le stime dell'organizzazione, i Paesi OCSE rappresentano 1,3 MB/giorno della crescita del 2022 mentre i paesi non OCSE contribuiscono per 1,8 MB/giorno. La domanda di combustibile per jet e kerosene vedrà l'aumento maggiore (+1,5 MB/giorno aaa), seguita da benzina (+660 kb/giorno anno su anno) e gasolio/diesel (+520 kb/giorno anno su anno).

L'IEA prevede che l'offerta mondiale di petrolio crescerà a un ritmo più rapido nel 2022, con gli Stati Uniti che trainano guadagni di 1,6 MB/giorno dai produttori al di fuori dell'alleanza OPEC+. Ciò lascia spazio all'OPEC+ per aumentare la produzione di petrolio greggio di 1,4 MB/giorno al di sopra dell'obiettivo di luglio 2021-marzo 2022 per soddisfare la crescita della domanda. Nel 2021, la produzione di petrolio da paesi non OPEC+ è destinata ad aumentare di 710 kb/giorno, mentre l'offerta totale di petrolio da parte dell'OPEC+ potrebbe aumentare di 800 kb/giorno se l'organizzazione si attenesse alla politica esistente.



Soddisfare la crescita della domanda prevista non sarà un problema, sottolinea l'IEA. Anche dopo aver incrementato la produzione di petrolio di circa 2 MB/giorno nel periodo maggio-luglio, l'OPEC+ avrà 6,9 MB/giorno di capacità inutilizzata effettiva. Se le sanzioni contro l'Iran verranno revocate, altri 1,4 MB/giorno potrebbero essere immessi sul mercato in tempi relativamente brevi.

Il settore della raffinazione, nel frattempo, dovrebbe rimanere sotto pressione. Nel 2022 la domanda di prodotti raffinati sarà ancora al di sotto dei livelli del 2017. A seguito di aumenti di capacità netta di 3,3 MB/giorno nel periodo 2017-20, nel 2021-22 entreranno in funzione altri 1,5 MB/giorno di nuova capacità netta di distillazione del greggio. Ciò significa che i tassi di utilizzo medi globali raggiungono il 78%, limitando qualsiasi rimbalzo dei margini di raffineria dai livelli depressi del 2020-21.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.