Facebook Pixel
Venerdì 24 Settembre 2021, ore 08.12
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Italia, inflazione giugno +0,1% mese +1,3% anno

L'inflazione continua ad essere sostenuta prevalentemente dai prezzi dei Beni energetici, regolamentati e non

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - Secondo le stime preliminari dell'Istat, nel mese di giugno 2021 l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,1% su base mensile e dell'1,3% su base annua. L'aumento congiunturale è inferiore allo 0,2% atteso dal mercato e allo 0,4% del mese precedente. La crescita tendenziale è uguale a quella di maggio e si confronta con il +1,4% del consensus.

L'inflazione, sottolinea l'Istat, continua a essere dovuta soprattutto alla crescita sostenuta dei prezzi dei Beni energetici (che accelerano lievemente da +13,8% di maggio a +14,1%) sia della componente regolamentata (da +16,8% a +16,9%) sia di quella non regolamentata (da +12,6% a +12,8%). Sono poi da segnalare da un lato la ripresa della crescita dei prezzi dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,9% da una variazione tendenziale nulla) e l'azzerarsi della flessione di quelli degli Alimentari lavorati (da -1,1%), e dall’altro i cali più marcati dei prezzi degli Alimentari non lavorati (da -0,4% a -1,0%) e di quelli dei Servizi relativi ai trasporti (da -0,2% a -1,4%).

L'inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, e quella al netto dei soli beni energetici accelerano lievemente entrambe da +0,2% a +0,3%.



Il lieve aumento congiunturale dell’indice generale è dovuto alla crescita dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+0,9%), dei Beni energetici non regolamentati (+0,7%), degli Alimentari lavorati e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,6% per entrambi), solo in parte compensata dalla flessione dei prezzi degli Alimentari non lavorati (-1,3%) e dei Servizi relativi alle comunicazioni (-0,5%).

L'inflazione acquisita per il 2021 è pari a +1,3% per l'indice generale e a +0,6% per la componente di fondo. I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona registrano una flessione meno marcata (da -0,9% a -0,4%), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto accelerano (da +1,4% a +1,8%). Secondo le stime preliminari, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) registra un aumento dello 0,2% su base mensile (uguale alle attese e rispetto al -0,1% del mese precedente) e dell'1,3% su base annua (da +1,2% del mese precedente e rispetto al +1,4% del consensus).

(Foto: Pexels / Pixabay)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.