Facebook Pixel
Lunedì 27 Settembre 2021, ore 05.37
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

BOE, Broadbent: aumento prezzi attuale non significa maggiore inflazione a 18-24 mesi

Finanza ·
(Teleborsa) - Nel Regno Unito, l'inflazione su base annua è aumentata da 0,5% a 2,5% negli ultimi quattro mesi. Ciò corrisponde a oltre un mezzo punto percentuale in più rispetto alla fine del 2019, immediatamente prima della pandemia. Nonostante ciò, il vice governatore della Banca d'Inghilterra Ben Broadbent non crede che un'inflazione elevata persisterà nel tempo. Secondo Broadbent, bisognerebbe guardare di più ai segnali del mercato del lavoro come indicatori della crescita futura dei prezzi.

"Una buona parte dell'attuale aumento dell'inflazione proviene in realtà direttamente dall'aumento del prezzo del petrolio, qualcosa che probabilmente diminuirà nella prima parte del 2022 - ha spiegato Broadbent - E, come abbiamo visto, periodi di rapido aumento dei prezzi di altri beni non sono state solo temporanei: sono stati spesso seguite da tassi di inflazione inferiori alla media".

Quindi, anche se le previsioni della Banca centrale inglese indicano che l'inflazione continuerà a crescere nei prossimi mesi, Broadbent non è convinto "che l'attuale inflazione dei prezzi dei beni al dettaglio dovrebbe di per sé significare una maggiore inflazione a 18-24 mesi, l'orizzonte più rilevante per la politica monetaria". Il vice governatore della BOE ha quindi sottolineato che il Comitato di politica monetaria dovrà prestare la massima attenzione ai numeri del mercato del lavoro.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.