Facebook Pixel
Martedì 26 Ottobre 2021, ore 00.17
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Green Pass, convergenza Confindustria-sindacati per l'estensione a lavoro: resta il nodo tamponi

Ieri riunione dei rappresentanti dei lavoratori anche con Confapi. Sindacati: test gratuiti per i dipendenti. Confindustria: li paghi lo Stato.

Economia ·
(Teleborsa) - Sindacati e mondo delle imprese sembrano aver trovato un punto di incontro per mettere in sicurezza i luoghi di lavoro dal pericolo contagi ed evitare così chiusure forzate dal Covid. Se Confindustria e Confapi già da tempo hanno dichiarato la loro posizione favorevole ad un'estensione dell'obbligo del Green Pass a lavoro, ieri Cgil, Cisl e Uil hanno aperto al mondo imprenditoriale dopo aver incontrato entrambe le associazione datoriali in due riunioni separate. Resta solo il nodo tamponi da sciogliere: chi paga? Le sigle sindacali hanno posto come paletto la richiesta che il costo dei test non ricada sui lavoratori, Confindustria ha proposto che sia lo Stato a farsene carico.

"Noi da sempre siamo stati per l'obbligo vaccinale ma non possiamo non renderci conto che al momento la politica non sembra trovare una sintesi e quindi abbiamo necessità di mettere in sicurezza i luoghi di lavoro", ha dichiarato il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, dopo l'incontro con i sindacati. "Siamo per l'adozione del Green pass obbligatorio nei luoghi di lavoro e su questo si è aperta una discussione". Quanto al costo dei tamponi, "sappiamo che giovedì c'è la cabina di regia del governo, laddove si dovesse decidere, come noi auspichiamo, l'obbligo del Green Pass all'interno dei luoghi di lavoro e le parti sociali trovassero un accordo su questo, credo che il governo potrebbe pensare di fare un'operazione di utilità sociale e quindi di potersi far carico del costo dei tamponi, che sicuramente non può essere a carico delle imprese".

"Abbiamo dato a Confindustria la nostra disponibilità a sederci per rafforzare i contenuti dei protocolli, per rendere i luoghi di lavoro più sicuri. E abbiamo dato la nostra disponibilità a discutere nel merito, in caso di legge sull'obbligo del Green pass, a patto che i costi non ricadano sui lavoratori", ha affermato il leader della Cisl, Luigi Sbarra. La posizione è stata riferita dal segretario Cgil, Maurizio Landini, anche a Mario Draghi durante l'incontro che si è tenuto sempre nella giornata di ieri a Palazzo Chigi.




Nel frattempo, il decreto sul Green Pass è arrivato alla Camera e potrebbe incassare l'ok del Parlamento senza la necessità di apporre la fiducia del Governo, che intanto si prepara a un nuovo provvedimento per estenderlo da ottobre ai dipendenti statali, alle categorie impegnate in quei settori dove il certificato è già obbligatorio e a questo punto anche ai lavoratori delle imprese.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.