Facebook Pixel
Giovedì 28 Ottobre 2021, ore 12.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Pressione sulla Borsa di Milano e sulle altre Borse europee

Commento, Finanza, Spread ·
(Teleborsa) - Giornata negativa per Piazza Affari, che scambia in pesante ribasso, assieme agli altri Eurolistini. Crescono le preoccupazioni per il possibile default di Evergrande - con implicazioni su tutto il settore real estate cinese - ma soprattutto si guarda a una settimana intensa per le banche centrali. Mercoledì sono attese le nuove decisioni di politica monetaria della FED, della Banca Popolare della Cina e della Banca giapponese. Giovedì è atteso il verdetto della Bank of England.

L'Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,171. L'Oro è sostanzialmente stabile su 1.757,6 dollari l'oncia. Forte riduzione del petrolio (Light Sweet Crude Oil) (-1,96%), che ha toccato 70,56 dollari per barile.



Aumenta di poco lo spread, che si porta a +101 punti base, con un lieve rialzo di 1 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari allo 0,70%.

Tra gli indici di Eurolandia seduta drammatica per Francoforte, che crolla del 2,66%, sensibili perdite per Londra, in calo dell'1,82%, e in apnea Parigi, che arretra del 2,61%.

A Milano, forte calo del FTSE MIB (-2,73%), che ha toccato 25.008 punti; sulla stessa linea, viene venduto parecchio il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 27.526 punti.

In netto peggioramento il FTSE Italia Mid Cap (-1,76%); sulla stessa tendenza, pessimo il FTSE Italia Star (-1,96%).

Al top tra le azioni più importanti di Milano, segna un buon incremento Terna, che riporta un +0,64% rispetto al precedente.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Stellantis, che continua la seduta con -5,14%.

Tonfo di Banco BPM, che mostra una caduta del 5,10%.

Vendite su ENI, che registra un ribasso del 5,04%.

Seduta negativa per Unicredit, che mostra una perdita del 4,96%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Saras (+1,80%), B.F (+0,55%) e Alerion Clean Power (+0,52%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Biesse, che prosegue le contrattazioni a -5,51%.

Lettera su Webuild, che registra un importante calo del 4,17%.

Affonda Sesa, con un ribasso del 4,12%.

Crolla Maire Tecnimont, con una flessione del 3,96%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.