Facebook Pixel
Mercoledì 26 Gennaio 2022, ore 23.34
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Covid, Speranza: terza dose per fascia di età 40-60 anni da dicembre

Eventuale modifiche all'estensione del Green Pass se emergeranno nuovi dati o studi.

Economia, Salute e benessere ·
(Teleborsa) - Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato che dal primo dicembre saranno chiamati alla dose di richiamo anche chi ha tra 40 a 60 anni. "La terza dose è assolutamente strategica per la campagna vaccinale: siamo all'83,7% di persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Il richiamo ad oggi è stato offerto 2,4 milioni", ha spiegato ieri il ministro rispondendo al question time alla Camera. "Abbiamo iniziato da immunocompromessi, fragili, sanitari, over 60 e chi ha avuto J&J che possono avere booster dopo sei mesi", ha aggiunto.

Capitolo Green Pass. "La durata per i soggetti guariti è di 6 mesi e per i vaccinati e di 12 mesi. Il Governo intende avviare un percorso di approfondimento per acclarare se vi siano le condizioni per valutare diversamente il certificato verde rilasciato ai guariti. Le evidenze suggeriscono che il rischi di reinfezione è basso se esposizione a variante si verifica entro 3-6 mesi dalla diagnosi iniziale", ha spiegato il ministro. "La norma che ha consentito l'estensione da 9 a 12 mesi del Green Pass per i vaccinati è stata frutto di un'unica e univoca volontà parlamentare: l'estensione del Green Pass fino a 12 mesi potrà essere rivista in futuro se emergeranno nuovi dati o studi. Ogni settimana l'Istituto Superiore di Sanità (ISS) presenta un rapporto sull'efficacia dei vaccini e i dati consentono di aggiornare le indicazioni. Da settembre osservati primi segnali di perdita di efficacia per cui è raccomandata una dose aggiuntiva per alcune categorie", ha fatto sapere Speranza.

"I Green Pass scaricati ad oggi sono 122 milioni. Resta evidente che chi è identificato come caso positivo è sempre soggetto a isolamento ed è escluso a rigore l'uso del Green Pass se il titolare è causa di possibile contagio. La revoca segue una doppia opzione: la segnalazione del medico o il tampone positivo i cui dati convergono su piattaforma regionale", ha infine sottolineato il ministro.






Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.