Facebook Pixel
Martedì 4 Ottobre 2022, ore 01.46
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

"Risiko" Quirinale tra strategie e bluff: chi sarà il successore di Mattarella?

Berlusconi ci crede, Draghi non conferma (nè smentisce). In campo ancora l'ipotesi di un Mattarella bis. E se a spuntarla fosse un outsider?

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Ad aprire ufficialmente la "partita" per il Colle, la convocazione ufficiale del Presidente della Camera Roberto Fico che pochi giorni fa ha comunicato che il primo voto del Parlamento in seduta comune per eleggere il successore di Sergio Mattarella al Quirinale si terrà lunedì 24 gennaio, un lunedì, alle 15 il primo voto del Parlamento in seduta comune.





Silvio Berlusconi, intanto, è persuaso di potercela fare. Ed è quanto ribadirà ai leader del centrodestra, convocati all'ora di pranzo a Villa Grande per parlare di Quirinale. Il sostegno degli alleati è "convinto e compatto", rassicura Matteo Salvini. Ma la Lega chiede ormai apertamente di lavorare a un piano B e si intensifica il pressing della coalizione sul Cavaliere perché dimostri da subito, con i numeri, di avere chance di elezione. Intanto, fanno rumore le parole di Gianni Letta, il più autorevole dei consiglieri berlusconiani, che invita "i grandi elettori, parlamentari e non", a "ispirarsi alla lezione" giunta dalla commemorazione in Parlamento di David Sassoli e "guardare agli interessi del Paese e non alle differenze di parte".

Un appello a tutti, ma che in casa Fi in diversi interpretano come rivolto anche allo stesso Cavaliere. Voci ufficiose raccontano dei tentativi da parte dello storico braccio destro di convincere il Cavaliere a non andare alla conta in Parlamento, ma fare il kingmaker del nuovo presidente. Berlusconi però va avanti mostrandosi più che determinato e nelle scorse ore, a cena ospita Manfred Weber, il capogruppo del Ppe, incassa "il totale sostegno della famiglia del Partito popolare europeo".

"Siamo disponibili per un dialogo, ma questo deve avvenire su un nome condiviso, una personalità istituzionale e non un capo di partito”:
fa sapere il leader del partito democratico Enrico Letta, parlando della partita del Quirinale e ribadendo ancora una volta il veto del Pd alla candidatura di Silvio Berlusconi. Nome sgradito anche al Movimento CinqueStelle.


L'altro nome in lizza è ovviamente quello del Premier Mario Draghi che, interrogato sulla questione, non conferma. Nè smentisce, segno che la possibilità che possa lasciare Palazzo Chigi per approdare al Colle è più che concreta.

Mattarella, ipotesi bis non tramonta -
Mattarella ha più volte chiuso alla possibilità di un secondo mandato, eppure il suo nome continua ad essere tra i più gettonati. Con l'emergenza ancora in corso, aumenta infatti il pressing di quanti vorrebbero confermato l'asse Mattarella al Colle e Draghi a Palazzo Chigi così da evitare lo scossone politico in una fase ancora delicata per il Paese.

Da Cartabia a Casellati: una donna al Quirinale? -
Allo stato attuale sembrano invece rientrare più nella suggestione che nelle possibilità concrete le candidature al femminile: dall’attuale Presidente del Senato, Elisabetta Alberti Casellati, seconda carica dello Stato, a Marta Cartabia, Guardasigilli, passando per l'ex ministro Paola Severino.

La partita degli outsider -
Nemmeno da escludere che alla fine, potrebbe spuntarla un outsider. In lizza, Pierferdinando Casini. O perchè no, proprio Gianni Letta: il suo nome, molto meno divisivo di quello di Berlusconi, potrebbe trovare un più ampio consenso.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.