Facebook Pixel
Lunedì 16 Maggio 2022, ore 17.23
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Immsi, ricavi ed EBITDA a livelli record per primi tre mesi dell'anno

Finanza ·
(Teleborsa) - Immsi, holding italiana quotata su Euronext Milan e controllata dalla famiglia Colaninno, ha registrato ricavi consolidati al 31 marzo 2022 pari a 467,1 milioni di euro, il miglior risultato registrato nel periodo di riferimento e in aumento del 18,7% rispetto al primo trimestre 2021. L'EBITDA consolidato è stato pari a 57,2 milioni di euro, il valore più alto mai rilevato nel periodo di riferimento e in crescita del 6,4%. L'EBITDA margin è pari al 12,2% (13,7% nel primo trimestre 2021).

Il risultato netto è positivo per 5,7 milioni di euro, in progresso del 10,5% e inclusivo della quota dei minorities pari a 4,4 milioni di euro. Gli investimenti sono stati pari a 26,8 milioni di euro (36 milioni di euro al 31 marzo 2021). L'indebitamento finanziario netto (PFN) del Gruppo Immsi al 31 marzo 2022 risulta pari a 836,8 milioni di euro, in miglioramento di 6,3 milioni di euro rispetto a 843,1 milioni di euro al 31 marzo 2021.



In relazione al conflitto in Ucraina, Immsi afferma che la crisi ha iniziato a generare incrementi dei costi delle materie prime e delle energie, che potrebbe avere significative ripercussioni sull'economia mondiale. "L'estrema diversificazione geografica delle vendite e degli acquisti del gruppo fa sì che l'esposizione nell'area del conflitto sia sostanzialmente nulla - viene evidenziato nella nota sui conti - Si sottolinea inoltre come il gruppo non abbia società controllate, collegate, o altre entità legali, né produttive né commerciali, nelle aree interessate dal conflitto".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.