Facebook Pixel
Martedì 16 Agosto 2022, ore 12.08
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Caro bollette e emergenza siccità: Draghi in conferenza stampa, le novità

PNRR, raggiunti tutti i 45 obiettivi

Economia ·
(Teleborsa) - "Sono molto soddisfatto perchè il Governo ha raggiunto tutti i 45 obiettivi del PNRR per questo semestre. L'Italia ha dunque rispettato tutte le scadenze del piano ed è un segnale essenziale per la serietà e la credibilità del paese ed è già al lavoro per le scadenze di dicembre". Lo ha detto il Presidente del Consiglio Mario Draghi nella conferenza stampa dopo il CdM che ha dato via libera a nuovi interventi a sostegno di famiglie e imprese. Approvati anche i disegni di legge sul rendiconto e l'assestamento di bilancio.





Sono oltre 3 miliardi le risorse messe a disposizione dal Governo per attenuare il rincaro delle bollette energetiche e famiglie e imprese, tra bonus energia messo a disposizione delle famiglie più disagiate e legato all'Isee e azzeramento degli oneri di sistema per l'elettricità per famiglie e imprese. Disposto anche il calo al 5% dell'Iva sul gas e degli oneri generali di sistema. Il provvedimento interviene anche sugli aumenti di stoccaggi del gas, disponendo che all'operazione contribuisca anche il Gse, per un controvalore massimo di 4 miliardi, in collegamento con gli operatori di mercato. Nel Dl Bollette previsto anche un contributo del 10% sull'extragettito delle imprese che importano gas che andrà versato alla Cassa per i servizi energetici e ambientali.


"Il governo - ha aggiunto Draghi - è al lavoro per fronteggiare la siccità. Siamo alle prese con la crisi idrica più grave degli ultimi 70 anni, la crisi idrica ha due fattori, una è un deficit di pioggia degli ultimi anni, il cambiamento climatico ma poi ci sono cause strutturali come la cattiva manutenzione dei bacini e della rete affidata ai concessionari con una dispersione di acqua che è pari al 30% mentre in altri paesi Ue è il 5%, 6%. Ci vuole un piano di emergenza e da lunedì noi siamo pronti ad approva i piani delle regioni".

Quanto all'andamento degli stoccaggi "finora è buono, siamo vicini al 60%", rassicura il Premier. "Confidiamo di arrivare all'obiettivo previsto entro novembre, questo è molto importante. Una misura approvata oggi è molto importante per questi stoccaggi", ha sottolineato.

"Stiamo riformando completamente l'assetto energetico del Paese. Le diversificazioni dei fornitori di gas sono il primo passo: via dalla Russia e non dipendere da un solo fornitore. Uno dei primi risultati di questo governo è che la dipendenza dal gas russo è scesa dal 40 al 25% già quest'anno, e - come detto - gli stoccaggi stanno andando bene".

Per Draghi "è importante ricordare che le rinnovabili sono l'unica strada che abbiamo nel lungo periodo". Certo, ora "ci agitiamo molto per avere i rifornimenti di gas di cui abbiamo bisogno", dice "ma bisogna sapere che questi non vanno a sostituire gli investimenti sulle rinnovabili, ma vanno a tamponare un'emergenza nel percorso che ci porterà a
un mondo che va tutto a rinnovabili".


Quindi una rassicurazione sulla tenuta dell'esecutivo dopo le polemiche delle scorse ore e a possibili frizioni con Giuseppe Conte (del quale secondo indiscrezioni stampa Draghi avrebbe chiesto la sostituzione, ricostruzione questa smentita dal Premier). "Non rischia, questo governo è stato formato per fare", dice il premier. "Ho anche detto dall’inizio che questo governo non si fa senza i Cinque stelle e questa resta la mia opinione. Non ho sentito Grillo, mentre ho sentito Conte ieri e ci siamo scambiati dei messaggi. Non ho mai fatto le dichiarazioni che mi sono state attribuite sui 5 Stelle, io non entro nei partiti. Non ho mai chiesto la rimozione di Conte e non sono disposto a guidare un governo con un’altra maggioranza"

Infine, un passaggio sull'azione di Governo che ha ottenuto "risultati importanti sul fronte internazionale (dal Consiglio Ue, al G7 e infine al vertice Nato), e importanti risultati sul fronte nazionale. Successi che sono merito di questa maggioranza di saper prendere decisioni con generosità e con l'interesse dell'Italia come bussola. Abbiamo davanti tante sfide che supereremo se avremo la stessa determinazione di questi mesi di governo", ha detto Draghi.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.