Facebook Pixel
Domenica 4 Dicembre 2022, ore 13.52
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Finlogic, ricavi in aumento del 22% nel primo semestre 2022

Finanza ·
(Teleborsa) - Finlogic, società quotata su Euronext Growth Milan e attiva nel settore dell'Information Technology, ha registrato ricavi consolidati pari a circa 30,8 milioni di euro nel primo semestre del 2022, in incremento di circa 5,6 milioni di euro (+22%) rispetto al primo semestre del 2021 (25,2 milioni di euro). La crescita rilevata nel semestre è organica in quanto il dato non include le ultime due società, Alfacod e Ase, acquisite rispettivamente il 15 giugno e il 30 giugno 2022.

Continua il trend rialzista dei ricavi della divisione "Etichette", core business del gruppo, che segna un +29% rispetto al 2021 nonostante le difficoltà legate alla scarsa disponibilità di materie prime e alla dilazione dei tempi di consegna dei materiali per etichette. La divisione "Prodotti Tecnologici" registra una crescita dell'11%, mentre la divisione "Servizi ed assistenza" registra un aumento del 23%.



"I risultati -ha commentato l'AD Dino Natale - confermano l'ottimo stato di salute del gruppo che, nonostante il contesto macro economico complicato e incerto, chiude il primo semestre con una crescita organica del 22% senza considerare Alfacod ed ASE che saranno consolidate contabilmente a partire dal 1 luglio 2022 ma che stanno già dando un contributo importante a tutte le divisioni del gruppo in termini di qualità dei servizi offerti, generando importanti sinergie e attività di cross selling e up selling".

"Possiamo inoltre constatare la riduzione del rischio correlato alla scarsa disponibilità di materie prime rilevata nei primi mesi dell'anno e causata soprattutto dagli scioperi in alcune cartiere del Nord Europa che avevano comportato la dilazione dei tempi di consegna dei materiali per etichette - ha aggiunto - La società grazie al buon operato del reparto acquisti è riuscita ad organizzare al meglio la produzione e le consegne senza subire importanti conseguenze commerciali e perdite di mercato. Nei prossimi mesi ci aspettiamo un miglioramento della situazione dettato dal ripristino dei normali livelli di approvvigionamento che ci consentiranno di sostenere alti regimi produttivi".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.