Facebook Pixel
Lunedì 3 Ottobre 2022, ore 20.03
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ferrari aumenta guidance 2022 dopo secondo trimestre record

Finanza ·
(Teleborsa) - Ferrari ha chiuso il secondo trimestre del 2022 con consegne totali pari a 3.455 unità, in aumento del 28,7% rispetto al secondo trimestre 2021, ricavi netti pari a 1.291 milioni di euro, in aumento del 24,9% rispetto all'anno precedente, EBITDA pari a 446 milioni di euro (+15,5% e margine pari al 34,6%) e utile netto pari a 251 milioni di euro (1,36 euro per azione diluita). La generazione di free cash flow industriale è stata pari a 79 milioni di euro, che rappresenta il miglior secondo trimestre di sempre in termini dii performance operativa prima delle imposte.

"Ferrari prosegue una fase di forte crescita, con risultati trimestrali record in termini di ricavi, EBITDA e EBIT. La qualità dei primi sei mesi e la robustezza del nostro business ci permettono di rivedere al rialzo la guidance per il 2022 su tutte le metriche. Anche la presa ordini netta ha raggiunto un nuovo livello record nel trimestre - ha dichiarato l'AD Benedetto Vigna - Lo scorso trimestre resterà memorabile anche per i momenti unici vissuti nel corso delle celebrazioni del nostro 75° anniversario e durante le Cavalcade, che hanno innalzato a nuovi livelli le esperienze offerte ai nostri clienti per condividere la passione e lo spirito della Ferrari mentre continuiamo a spingerci oltre i nostri limiti".



L'indebitamento industriale netto, pari a 387 milioni di euro al 30 giugno 2022 rispetto a 136 milioni di euro al 31 marzo 2022, riflette anche il pagamento, nel secondo trimestre, di dividendi per 250 milioni e il riacquisto di azioni proprie per 81 milioni. Al 30 giugno 2022 la liquidità complessiva disponibile era pari a 1.875 milioni di euro (2.162 milioni al 31 marzo 2022), incluse linee di credito committed inutilizzate per 669 milioni di euro.

La guidance 2022 è stata rivista al rialzo su tutte le metriche grazie a un più forte contributo delle personalizzazioni così come a un effetto positivo dei cambi, e sulla base delle seguenti ipotesi: gestione attenta della forte domanda; arricchimento del mix di modelli; inizio della produzione della Ferrari Daytona SP3 e della Ferrari Purosangue nel 2022 con avvio delle consegne a partire dal 2023; ricavi da attività legate alla Formula 1 che riflettono sponsorizzazioni più diversificate ma complessivamente minori; aumento degli ammortamenti legato all’avvio della produzione di nuovi modelli; generazione di free cash flow industriale sostenuta dall’incasso degli anticipi sulla Daytona SP3; spese in conto capitale disciplinate.

Ferrari ora si aspetta: ricavi netti pari a circa 4,9 miliardi di euro (contro una previsione precedente di 4,8 miliardi), un EBITDA rettificato di 1,7-1,73 miliardi di euro con un margine superiore al 35% (contro un precedente di 1,65-1,70 miliardi e margine tra 34,5% e 35,5%) e un utile diluito rettificato per azione di 4,8-4,9 euro (in precedenza 4,55-4,75 euro).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.