Facebook Pixel
Sabato 10 Dicembre 2022, ore 04.16
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Gas, Cingolani: Italia ha raggiunto 90% stoccaggi

"Puntiamo al 93%"

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - L'Italia raggiunge oggi l'obiettivo del 90% degli stoccaggi di gas in anticipo rispetto alla scadenza di fine autunno. Lo rende noto il Ministero della Transizione Ecologica.

"Un traguardo reso possibile dall'intenso lavoro portato avanti dal Governo in questi mesi, grazie anche a Snam e al supporto di Gse e Arera", dice il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani.

"Tale risultato - ha aggiunto - ci consente di puntare verso un obiettivo ancora più ambizioso, al quale lavoreremo nelle prossime settimane, volto a raggiungere il 92-93% di riempimento degli stoccaggi, così da garantire maggior flessibilità in caso di picchi sui consumi invernali".



Intanto, l'Europa indaga sulle misteriose perdite del Nord Stream. Gli incidenti non hanno alcun impatto sulla fornitura di gas in Europa perché i collegamenti non sono attualmente in uso ma creano ugualmente tensioni sui mercati dell'energia.

L'Ue ritiene che le perdite di questa settimana da due gasdotti sottomarini tra Russia e Germania "non siano una coincidenza", ma che si tratti di "un atto deliberato", ha dichiarato l'Alto commissario per la Politica estera dell'Ue, Josep Borrell. Esprimendo "profonda preoccupazione" per le perdite di Nord Stream 1 e 2 e chiedendo un'indagine, Borrell ha dichiarato in un comunicato che "tutte le informazioni disponibili indicano che queste perdite sono il risultato di un atto deliberato".

"E' stupido e assurdo" incolpare la Russia per le fughe di gas da Nord Stream, afferma il Cremlino dopo le accuse alla Russia di aver sabotato il gasdotto.

La Russia, intanto, si dice "pronta a considerare le richieste per un'indagine congiunta sulle cause dell'incidente al Nord Stream se arriveranno dai Paesi europei". E' quanto afferma il viceministro degli Esteri russo Alexander Grushko, come riporta Ria Novosti.

"Se ci sono appelli, li prenderemo in considerazione. Per quanto ne so, non ce ne sono stati", ha detto rispondendo a una domanda sulla possibile cooperazione della Russia con i Paesi europei nelle indagini sugli incidenti ai gasdotti Nord Stream.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.