Facebook Pixel
Mercoledì 8 Febbraio 2023, ore 14.09
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Italia, DBRS non prevede deviazione significativa da strategia di bilancio prudente

Finanza ·
(Teleborsa) - L'impatto dell'aumento dell'inflazione influirà sulla spesa pubblica italiana - con pensioni, salari pubblici e beni intermedi più elevati - e unito alla crescita dei tassi di interesse peserà maggiormente sui conti fiscali nei prossimi anni. Ciò, secondo DBRS Morningstar, richiederà probabilmente un ulteriore risanamento di bilancio per ridurre il disavanzo nominale negli anni a venire. Lo si legge nell'analisi con cui l'agenzia di rating ha confermato il giudizio BBB (high) con trend Stabile.

Il nuovo governo dovrebbe garantire l'approvazione della Legge di Bilancio 2023 entro la fine dell'anno per evitare un bilancio provvisorio. "Al momento, non c'è chiarezza sull'intenzione del nuovo governo di attuare promesse costose annunciate durante la campagna elettorale, anche se negli anni a venire è probabile un miglioramento più lento dei conti fiscali", sottolinea DBRS Morningstar.

Tuttavia, la sfida di estendere ulteriormente il sostegno fiscale per proteggere l'economia dalla crisi energetica in corso avrà la priorità e l'attuazione di costose riforme fiscali sarà, nel caso, graduale. Pertanto, DBRS Morningstar non prevede una deviazione significativa dalla strategia di bilancio prudente nel medio termine.



Se il nuovo governo dovesse continuare a impegnarsi per il passato obiettivo di disavanzo di bilancio del 5,6% del PIL quest'anno e del 3,9% del PIL nel 2023 (rispetto alle proiezioni del 5,1% del PIL e del 3,4% del PIL, rispettivamente, nel 2022 e nel 2023 senza cambiamento di politica), questo margine di manovra fiscale potrebbe essere utilizzato per fornire ulteriori aiuti all'economia per alleviare la crisi del costo della vita.

Secondo DBRS Morningstar, un ulteriore supporto dovrebbe essere temporaneo e selettivo. "Qualora il governo optasse invece per un aumento significativo della spesa, comprese le misure strutturali e non selettive, è probabile che si trovi di fronte sia a un disavanzo primario più elevato sia a un aumento dei costi di finanziamento, che ridurrebbe l'impatto positivo del sostegno", viene sottolineato.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.