Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 19 Settembre 2019, ore 12.52
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

La Madrina

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
« 1 2 3 4
Il destino del dollaro. Nei mesi passati, nei momenti più drammatici della crsi europea, molti investitori hanno cercato rifugio nei Bund, nei bond australiani e canadesi e nel dollaro. Nelle ultime settimane abbiamo suggerito di uscire dai Bund, che sono denaro morto, e da Canada e Australia, che sono sopravvalutati e cominciano ad avere qualche problema anche loro. Il discorso sul dollaro è diverso. La Fed ne stampa giorno e notte, è vero, ma non si può dire che il dollaro sia sopravvalutato. L’economia americana, d’altra parte, non scoppia di salute ma è nel complesso più solida di quella europea. La crisi mediterranea non è finita e le stime di (de)crescita del 2013 per Italia, Spagna, Portogallo e Grecia potrebbero rivelarsi troppo ottimiste, come è stato del resto negli ultimi due anni.

I bond mediterranei hanno ricevuto e continueranno a ricevere un enorme beneficio dagli acquisti della Bce, ma la correlazione tra spread sui governativi ed euro, finora piuttosto stretta, si allenterà. Il dollaro da luglio a oggi si è certamente indebolito, ma rimane un’ottima diversificazione e una copertura efficace dai rischi di Eurolandia.

La forza dell’oro. In un mondo in cui tutti vogliono svalutare e tengono i tassi eccezionalmente bassi l’oro è destinato a rimanere forte. I nemici dell’oro, tassi in rialzo e recessione, non sono all’orizzonte.

La vera forza dell’oro, in ogni caso, è nel numero dei suoi fedeli e questo è un fatto culturale. Giusto o sbagliato che sia, l’Asia crede molto nell’oro. Molte banche centrali emergenti credono nell’oro. La Cina crede nell’oro e sta incoraggiando i suoi cittadini a comprare meno case e più oro.
« 1 2 3 4
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.