Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 18 Febbraio 2020, ore 17.41
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Apple e Tesla, ovvero la creatività predittiva dei mercati

Tesla potrà essere o no la "nuova Apple"?

Francesco Caruso
Francesco Caruso
Master in Financial Technical Analysis, vincitore di SIAT Award 2011
« 1 2 3 »
La Tesla Motors è un’azienda californiana di Palo Alto che produce macchine oggettivamente splendide e mai viste prima: bolidi elettrici ad altissima tecnologia, che viaggiano (noi persone comuni possiamo solo immaginare la sensazione) con erogazioni di potenza assolutamente lineari, nel silenzio motoristico assoluto. E non un goccio di benzina. Niente emissioni nocive. Piacere allo stato puro.

Tesla Motors grafico

Il titolo Tesla è salito nel 2013 da 32 a 183 USD, quindi si è quasi sestuplicato. Ora Tesla, che occupa 3000 persone e che finora non produce utili, capitalizza oltre tre volte la Fiat e quasi come Generali. So che non è un metro di paragone omogeneo, ma è solo per rendere l’idea dei limiti a cui si spinge la creatività predittiva dei mercati in presenza di stimoli adeguati.

La domanda che tutti si fanno, parlando di Tesla, è se possa o no essere la "nuova Apple". Al di là del dovuto riconoscimento alla genialità dell’idea e alla bellezza del prodotto, il paragone è difficile in quanto le auto, se si possono chiamare tali, di Tesla costano tantissimo e devono essere supportate da strutture (colonnine di rifornimento elettriche) e servizi presenti solo in pochi paesi. Tesla, quindi, a differenza di Apple è un prodotto di élite destinato nel futuro prossimo a restare tale, almeno nell’accezione attuale.

Il punto è se abbia senso che molte persone accettino di investire la maggior parte del proprio capitale a tassi reali (rendimento meno inflazione) negativi, mentre dall’altro si affannano alla ricerca della "nuova Apple".

La realtà è semplice ed è che tutto quello che ha a che fare con i mercati è essenzialmente un tentativo di "battere il tempo". Quando si cerca il titolo vincente, quando si cerca di vendere sui massimi o di comperare sui minimi o quando si fa trading, forse non lo si realizza coscientemente: ma quello che si cerca di fare è "battere il tempo". Il tempo è l’asset di gran lunga più importante che abbiamo nel nostro arsenale di investimento. Il problema è che nessuno di noi ne ha abbastanza, oppure che quando ne abbiamo non sappiamo come sfruttarlo.
« 1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.