Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 18 Febbraio 2020, ore 17.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Feeling blue?

Che cosa è andato storto, che cosa potrebbe raddrizzarsi

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
« 1 2 3 4 »
In America i modelli prevedevano un’accelerazione del riassorbimento dei disoccupati nel mondo del lavoro. Questo, solitamente, produce un aumento dei consumi. Chi ha finalmente un lavoro può permettersi di spendere di più e, soprattutto, può ottenere un prestito per comprarsi una macchina, magari usata, o un elettrodomestico.

Il riassorbimento dei disoccupati c’è stato ed è andato oltre le più rosee previsioni. Quella che non è stata correttamente anticipata è la propensione al risparmio. Sono ormai più di tre mesi che a un forte aumento degli occupati corrisponde una crescita del reddito risparmiato.

Yves Klein. IKB 191Il consumatore americano è famoso per la sua propensione a spendere e indebitarsi anche in periodi incerti. Durante la crisi asiatica del 1998-99, ad esempio, un’ampia caduta delle borse e una caduta della produzione in molti paesi, i consumi americani continuarono a crescere a una velocità del 7 percento annualizzato.

Certo, oggi è molto difficile ottenere un mutuo per una casa, ma un prestito per un’auto è di nuovo alla portata di tutti e acquistare a rate un televisore non è certo un problema. Quella che è cambiata, rispetto ai dati storici sui quali sono costruiti i modelli, è la fiducia nel futuro, su cui è basata la voglia di spendere.

Quando i mercati hanno scoperto un punto debole anche in America (i consumi) il quadro globale, già deteriorato in Europa e non brillante in Asia, è apparso improvvisamente a rischio. Mettendo insieme il rallentamento economico in tutto il mondo, la fine del QE americano, l’inizio debole del QE europeo e il sopraggiungere di Ebola nell’impreparazione generale, i livelli delle borse, non assurdi ma certamente piuttosto elevati, sono apparsi improvvisamente insostenibili. I bond di qualità migliore sono per contro tornati un porto sicuro, smentendo ancora una volta le previsioni di un ribasso imminente.
« 1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.