Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 27 Maggio 2020, ore 11.55
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Fronte del porto

Dai profitti ai salari, il pendolo inizia a cambiare direzione

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
« 1 2 3 4
Abbiamo l’impressione che possano avere ragione tutti quanti. Il ciclo economico è sovraimpresso al ciclo del credito. Il deleveraging e gli spiriti animali depressi depotenziano ma, attenzione, non annullano il ciclo economico.

Se questo è vero, ne discendono due conseguenze rilevanti.

1) Il ciclo c’è. Non è forte, ma c’è. Senza grande clamore l’America è passata dall’altissima disoccupazione del 2009 alla piena occupazione di fine 2015. Anche l’inflazione c’è. Non è forte ma c’è. Togliendo il petrolio il Cpi era all’1.5 un anno fa ed è all’1.9 oggi. Se la Fed più colomba dei suoi 102 anni di storia si appresta ad alzare i tassi è perché riconosce che il ciclo c’è. I margini delle imprese, assediati dal costo del lavoro (per ora più per un aumento del numero di dipendenti che per un aumento delle retribuzioni) e dal costo del denaro che fra poco inizierà a risalire, sono per la prima volta sotto pressione. Il trasferimento di reddito dai salari ai profitti è finito e sta per iniziare il movimento in senso contrario.

Marlon Brando - Fronte del porto2) Il ciclo c’è ma è iscritto in un ciclo del credito che lo depotenzia. La montagna di soldi che le banche parcheggiano nelle banche centrali a tasso zero verrà prelevata poco e lentamente. L’economia non si surriscalderà. Qualsiasi accelerazione americana verrà rimangiata sul nascere dal dollaro più forte. I bond saranno da vendere ma non crolleranno e avranno anzi periodici violenti ritorni di fiamma al primo segno di rallentamento della crescita. Le azioni americane non trarranno particolari benefici dal maturare ulteriore del ciclo.


Vedi anche:

USA, delude il dato sugli occupati ADP
Stati Uniti, crollano i licenziamenti a marzo

« 1 2 3 4
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.