Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 23 Settembre 2019, ore 07.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

La storia del futuro

Estrapolare è umano, ma può anche diventare diabolico

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
« 1 2 3 »

Questo tasso verrebbe da immaginarlo scolpito nella pietra e riportato eternamente uguale a se stesso in libri sapienziali fin dall'alba dei tempi e invece cambia ogni sei mesi o quasi. Era del 4.25 nel 2012, scese al 4 nel 2013, al 3.75 nel 2014 e poi, sempre più velocemente, al 3.25 nel marzo 2016, al 3 in dicembre e al 2.75 di oggi. È chiara la natura estrapolativa e non realmente previsiva di queste stime. Se negli ultimi sei mesi l'inflazione e la crescita sono state più basse di quello che mi attendevo, allora saranno più basse per sempre e richiederanno un tasso finale più basso.

Benedetto CrocePer carità, ci mancherebbe, non è che umanamente si possa fare di più. Già Popper dimostrò che, non essendo lo sviluppo della scienza prevedibile, nemmeno può esserlo quello della storia, di cui la storia della scienza è una componente. E figuriamoci quello dei tassi.

Il problema non è la fallibilità delle stime (solo chi non fa non sbaglia). Il mercato, consapevole o inconsapevole, fa stime sul futuro continuamente e quindi continuamente sbaglia e si corregge. Il problema è che non sempre è chiara la differenza tra l'estrapolazione (la stima del futuro esclusivamente sulla base di ciò che è noto oggi) e la previsione (la stima del futuro sulla base di ciò che è noto, ma anche delle incognite note e di quelle ancora ignote).

Il discorso può sembrare astratto, ma ha implicazioni terribilmente concrete. Oggi i mercati vedono un mondo in apparente equilibrio e praticamente perfetto. L'inflazione è bassa e stabile (per la Bce fra due anni sarà esattamente come oggi e per la Fed sarà fra tre anni solo di 0.4 punti più alta), la crescita è regolare e il tasso di disoccupazione, almeno in America ha smesso di avvicinarsi troppo al livello che fa partire l'inflazione salariale e si è posizionato di recente in un punto tranquillo e non pericoloso. In questo contesto le banche centrali, pensa il mercato, avranno solo da fare ogni tanto modesti ritocchi all'insù dei tassi, ma non così ampi come la Fed continua a indicarci.

In un mondo bello e stabile, è sufficiente la forza d'inerzia per fare salire le borse attraverso un rigonfiamento dei multipli. E la forza d'inerzia, finché non incontra ostacoli, non si esaurisce mai. Per questo, pensano in tanti, non ha senso vendere adesso solo perché i prezzi sono astrattamente cari. Se arriveranno ostacoli ci ripenseremo, ma perché rinunciare a mesi, trimestri o anni di ulteriore possibile rialzo?
« 1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.