Domenica 5 Luglio 2020, ore 18.54
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Estremi rimedi

I tassi negativi, opportunità e rischi

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 »
In aprile l'inflazione americana, misurata con l'indice dei prezzi al consumo al netto dell'energia e degli alimentari, è scesa dello 0.4 per cento. In eurozona, nel secondo e terzo trimestre, l'inflazione sarà vicina a zero rispetto a un anno fa. Sia in America sia in Europa l'obiettivo ufficiale è il 2 per cento (qualcosa di più del 2, nel dubbio, negli Stati Uniti e qualcosa di meno in Europa).

Se l'inflazione continuerà a scendere, come è possibile nei prossimi 6-12 mesi, e se i tassi ufficiali rimarranno stabili a zero in America e a -0.50 in eurozona, i tassi reali saliranno. Rivivremmo, in questo caso, l'esperienza della Grande Depressione degli anni Trenta, quando il mondo precipitò nella deflazione e i tassi rimasero bloccati sopra zero. Questa volta, verosimilmente, la deflazione sarà superficiale, ma il paradosso di tassi reali in crescita proprio quando il mondo avrà bisogno di tutt'altro sarà evidente e non potrà lasciare indifferenti banche centrali e mercati.

I mercati, a dire il vero, hanno già provato a scontare tassi negativi in America entro la fine del 2020, stimolati anche da un recente contributo di Kenneth Rogoff che invoca Fed Funds sotto zero. Non in via ipotetica, ma da subito, non moderatamente negativi, ma profondamente negativi.

Rogoff propone tassi negativi ufficiali del 3 per cento e argomenta con il fatto che questo porterebbe i tassi effettivamente praticati ai debitori corporate dalle banche e dal mercato obbligazionario ad azzerarsi, rendendo possibile la sopravvivenza di imprese che, se dovessero continuare a pagare un tasso positivo, diverrebbero insolventi e uscirebbero di scena. Un secondo obiettivo sarebbe quello di ostacolare la tendenza ad accumulare liquidità da parte di investitori privati e istituzionali. Inoltre, per evitare che, per aggirare i tassi negativi, si riempiano di banconote le cassette di sicurezza, Rogoff propone l'abolizione dei biglietti di grosso taglio.
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.