Martedì 1 Dicembre 2020, ore 15.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il lungo inverno

Navigazione impegnativa, privilegiare la qualità

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 »
Se settembre ha rappresentato una correzione dovuta a fattori interni al mercato, quella iniziata in queste ore fa riferimento alla realtà esterna e proprio per questo si presenta più difficile e insidiosa. Quando i problemi sono interni (sbilanciamento delle posizioni, eccessi speculativi, grandi carichi di opzioni in scadenza) ne sono note in generale le dimensioni e ricalibrare prezzi e posizioni è veloce e semplice. Si vanno a cercare le mani deboli, le si bacchetta e si sfilano loro titoli che compratori più solidi in agguato sono ben lieti di acquistare.



Quando i problemi sono esterni, la loro tempistica è più difficile da definire e questo frena i potenziali compratori, che rimangono volentieri alla finestra. Il pacchetto fiscale americano da due trilioni per i mercati, nel breve, è ancora più importante dell'esito del voto del 3 novembre ed è nelle mani della politica. Una volta saltata l'ipotesi di un accordo prima delle elezioni (anche se le proposte democratica e repubblicana si sovrappongono per l'80 per cento e divergono solo sul punto, politicamente molto sensibile, dell'aiuto agli stati indebitati), il pacchetto slitta ora in un tempo indefinito compreso tra dicembre e febbraio-marzo.

Ancora più difficile, in realtà impossibile, è dare un orizzonte temporale alla pandemia quando siamo ancora ben lontani dai mesi più pericolosi, tra gennaio e marzo. Non contribuiscono a creare un clima costruttivo le parole della Merkel sull'economia tedesca che non sarà in grado di sopportare una seconda ondata di Covid. L'economia tedesca ha sopportato due guerre mondiali e la divisione del paese per mezzo secolo e quindi la Merkel non va presa alla lettera, ma il suo monito, inteso a sensibilizzare sulla necessità di comportamenti prudenti, tradisce anche una sensazione d'impotenza (che mai sarebbe sfuggita a un leader americano o cinese) o, meglio, di scarsa disponibilità verso ulteriori misure di sostegno all'economia. È lo stesso atteggiamento che si riscontra nei componenti tedeschi della Bce che, pur senza chiudere formalmente le porte di fronte a un incremento degli acquisti di Quantitative easing, cercano con ogni pretesto di rinviare la decisione.
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.