Facebook Pixel
Venerdì 3 Dicembre 2021, ore 14.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il paradosso dell'energia

Mai così abbondante eppure più cara e precaria

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 »
Un malfunzionamento è il guasto di un componente. Basta sostituirlo e tutto si aggiusta. Una disfunzione è un difetto di processo. Qui non basta sostituire qualche pezzo. Bisogna tornare alla lavagna e rivedere il disegno, perché il problema è strutturale.

La tesi dell'inflazione transitoria si basa da una parte sull'idea che la spinta monetaria e fiscale alla domanda si attenuerà gradualmente e dall'altra sulla tesi che le strozzature dell'offerta sempre più evidenti in tutti gli angoli del mondo sono dei semplici malfunzionamenti temporanei e non delle disfunzioni strutturali.


Avremo molte occasioni per seguire le questioni legate alla domanda. Oggi proviamo a fare qualche considerazione sull'offerta. I mercati finanziari non sono molto preparati ad affrontare questo aspetto. Quasi quarant'anni di politiche dell'offerta, di progresso tecnologico e di demografia favorevole hanno prodotto abbondanza di materie prime, massima fluidità dei flussi commerciali e disponibilità di manodopera a basso costo. Soddisfatti e tranquilli sul lato dell'offerta, i mercati hanno dedicato gran parte delle loro attenzioni e preoccupazioni ai problemi della domanda, depressa dalle politiche dell'austerità e dalle svalutazioni interne che hanno compresso i consumi privati e gli investimenti pubblici.

Oggi, con l'austerità che sbiadisce nel ricordo e con i consumi privati e gli investimenti pubblici di nuovo al centro delle politiche fiscali, riscopriamo che i problemi possono venire anche dal lato dell'offerta, soprattutto se questa è messa sotto stress da un nuovo contesto geopolitico e dal nuovo aggressivo dirigismo dei governi.

Prendiamo l'energia. Nella storia non c'è mai stata tanta disponibilità di energia a buon mercato come oggi. Se negli anni Settanta, già colpiti dai due shock energetici del 1973 e 1979, era previsione di consenso che le risorse fossili si sarebbero gradualmente ma inesorabilmente esaurite, oggi sappiamo che il mondo galleggia su un mare immenso di gas, di petrolio e di carbone. Sappiamo anche, con più di 60 anni di esperienza, che il nucleare è gestibile.
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.