Facebook Pixel
Domenica 22 Maggio 2022, ore 21.33
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Una tragica guerra tra sordi e descritta da ciechi: il fallimento della politica

La guerra non è che la continuazione della politica con altri mezzi

Fabrizio Pezzani
Fabrizio Pezzani
Professore ordinario di Economia Aziendale presso l'Università L. Bocconi. E' autore di libri e pubblicazioni sui temi di governance e controllo delle amministrazioni pubbliche e private e delle relazioni tra economia, etica e società.
1 2 »
Carl von Clausewitz, generale prussiano, ricordava che "la guerra non è che la continuazione della politica con altri mezzi. La guerra non è dunque solamente un atto politico ma un vero strumento della politica, un seguito del procedimento politico". L'attuale drammatica guerra in Ucraina diventa un tragico esempio della mancanza di una politica capace di anticipare il dramma di una guerra tra sordi incapaci di sentire le ragioni altrui e descritta da ciechi, i media che si fermano alla notizia del giorno incapaci di guardare un sistema globale che sta violentemente cambiando. Non si capisce e non si chiarisce una guerra fatta con due modi di combattere, la finanza ed i cannoni, lo scontro mette in discussione gli equilibri globali sia sul piano bellico, su quello della finanza e sugli equilibri globali.

La lettura della storia è fondamentale per capire i motivi del fallimento della politica che rimanda le decisioni per paura o per comodità portando la politica alla guerra che non nasce mai per caso, ma è la risoluzione di conflitti non affrontati in sede politica come spesso si è verificato nella Storia.


L'Ucraina creata da Lenin, ma legata alla Russia, ha dato i natali, oltre a Lenin, a Kruscev ed a Breznev mantenendo una forte integrazione nel sistema sovietico.

Scacchiere internazionale: Ucraina, Russia, Usa, Cina, EuropaLa caduta del muro di Berlino e il disfacimento dell'impero russo hanno creato potenziali conflitti in paesi alla riconquista della loro identità e l'Ucraina, tra questi, ha dovuto cominciare a fare i conti con le sue etnie diverse tra parte occidentale, cattolica e di lingua ucraina e quella orientale, russa-ortodossa e di lingua russa. Probabilmente il mondo sarebbe diverso se gli Usa, rimasti soli a governare il mondo, avessero fatto un nuovo piano Marshall per salvare e riunire il sistema sovietico, ma questo pensiero non fa parte della cultura degli Usa, ma certamente dell'Europa che troppo spesso, però, rimane silente.

L'espansione della Nato dopo la guerra nella ex-Iugoslavia, altro esempio di fallimento della politica finito in guerra, ha creato ai confini della Russia la percezione di un possibile rischio nella confinante Ucraina per colpa anche dell'atteggiamento aggressivo degli Usa.
1 2 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.