Giovedì 24 Settembre 2020, ore 06.49
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Scuole, si riparta dal personale ATA per riaprirle a settembre, l'appello del presidente Pacifico

Stato di emergenza prorogato fino a metà ottobre e smart working prolungato fino a fine dicembre nella PA. Ma cosa accadrà ai dipendenti della scuola, in particolare al personale ATA? Se la scuola riapre a settembre, il personale amministrativo dovrà necessariamente rientrare.

A riproporre il problema della presenza degli amministrativi della scuola è Marcello Pacifico, Presidente del sindacato Anief, sostenendo che il personate ATA dovrà "essere usato solo per questioni imprescindibili e continuare a lavorare in smart working laddove è possibile".

Pacifico ricorda che il lavoro agile, che non ha riguardato solo gli ATA, ma anche il personale docente, è stato normato dalla legge 41, che ne rimanda la disciplina ad un Contratto Integrativo Nazionale. "L'Anief - afferma - ha più volte sollecitato la Ministra Azzolina ad aprire un tavolo per normare gli aspetti più importanti della didattica a distanza e del lavoro agile nella scuola".

L'altro problema riguarda il sottodimensionamento del personale amministrativo rispetto alle esigenze, spiega il Presidente dell'Anief, affermando che "bisogna autorizzare almeno a 50 mila assunzioni in ruolo di personale tecnico-amministrativo e soprattutto ripristinare anche i ruoli di coordinamento disciplinati da 25 anni dal contratto e mai attivati".

"Stiamo parlando di rimettere il personale ATA a disposizione del funzionamento della scuola, perché al di là dei problemi di igenizzazione e della sorveglianza, c'è un grande lavoro da svolgere nelle segreterie", conclude Pacifico, sollecitando anche la rivalutazione e valorizzazione di queste figure, i cui livelli di carriera sono fermi da 45 anni".
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.