Sabato 26 Settembre 2020, ore 00.10
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Inizio anno scolastico, il presidente Anief chiede nuovo patto educativo tra famiglie e insegnanti

"Primo giorno d'inizio delle lezioni a Bolzano, mentre da altre parti d'Italia l'anno scolastico partirà il 14 settembre e in alcune regioni il 24 settembre. Partenze scaglionate, dunque, come è sempre accaduto, ma questo è forse l'anno più difficile della storia". Così Marcello Pacifico, Presidente del Sindacato Anief, commenta a Teleborsa l'avvio dell'anno scolastico.

"L'anno scorso - ricorda - abbiamo dovuto chiudere le scuole e quest'anno le stiamo riaprendo perché riteniamo che la didattica a
distanza non possa sostituire la didattica in presenza, se non per limitati periodi e per limitati casi".

Parlando di cosa manca alla scuola italiana, il leader sindacale cita innanzitutto il personale di ruolo. "E' una scuola che parte con un record di precariato: più di 250 mila tra insegnanti e ATA saranno chiamati come supplenti e quindi significa che quasi 1 su 4 dei posti in organico non sarà di ruolo", afferma.

"A questo tema si va ad aggiungere quell'organico aggiuntivo messo dal governo per l'emergenza Covid, su cui continuiamo a richiedere le massime garanzie, perché venga ristabilito in organico di diritto e perché non vengano lesi dei diritti dei lavoratori", sottolinea il Presidente dell'Anief.

Altro capitolo è il "problema degli spazi", più sentito al Sud rispetto che in altre parti d'Italia perché dipendente dalle disponibilità finanziarie degli Enti locali, che è stato causato dalle dalle maxi dismissioni di edifici scolastici (circa 15-18 mila) effettuate negli anni scorsi, di cui se ne sono recuperati solo 3 mila. "Non bastano", afferma Pacifico.

"Per ripartire con più serenità, al di là dei test sierologici, che dovrebbero essere effettuati periodicamente, serve un nuovo patto educativo tra le famiglie e il personale insegnante, affinché i comportamenti e le norme del distanziamento siano uguali dentro e fuori la scuola, altrimenti sarà sempre come il primo giorno", conclude il sindacalista, ricordando che occorrerà "rispettare le regole di sicurezza nei luoghi pubblici, aspettando l'avvivo del vaccino".
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.