Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 18 Ottobre 2017, ore 20.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Analisi tecnica: primi passi Lezione 1

Indicatori di analisi tecnica
Premessa 

Come noto, gli indicatori sono degli algoritmi di calcolo, più o meno complessi, utilizzati per rilevare determinati aspetti dell'andamento di una successione di quotazioni:

  • velocità della tendenza
  • forza della tendenza
  • esistenza di eccessi
  • volatilità
e altro.

La "materia prima" utilizzata non può che essere sempre la stessa, quella disponibile: la serie storica delle quotazioni e, talvolta, i volumi; solo in alcuni casi, quando si vogliono rilevare informazioni sullo spessore del mercato nel suo insieme, si ricorre anche al numero dei titoli in rialzo e in ribasso e a quello dei titoli che toccano nuovi massimi o nuovi minimi.

Ora, fatti salvi questi ultimi casi, se la materia prima è sempre la stessa, anche le risultanze non possono che essere quasi sempre correlate fortemente, qualunque sia l'algoritmo di calcolo che si adotta e la consapevolezza che gli indicatori non fanno altro che illuminare le diverse facce di uno stesso poliedro ha indotto gli analisti a ricercare algoritmi sempre più complessi che, di fatto, nulla aggiungono all'armamentario disponibile se non il disorientamento e la confusione.

Infatti, il desiderio di differenziare gli strumenti di ricerca porta, quand'anche si riesca a ridurre la correlazione di fondo, a risultati che, anziché essere integrabili in una sintesi efficace, appaiono spesso discordanti e inconcludenti.