Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 24 Ottobre 2017, ore 11.32
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Analisi e utilizzo dell'oscillatore stocastico Lezione 13


Cos'è l'oscillatore stocastico
L'oscillatore stocastico confronta il prezzo odierno di un titolo con i prezzi di un determinato intervallo temporale, ad esempio 16 giorni.
In un trend rialzista, la chiusura si trova vicino ai valori massimi, mentre in un trend ribassista, la chiusura si posiziona in prossimità dei valori minimi.
Lo stocastico può assumere valori tra 0 e 100, ma di solito oscilla tra 30 e 70 e si compone di due linee diverse: K% e D%.
La linea K%, considerata la linea più veloce e quindi più sensibile all'andamento dei prezzi, misura la posizione fra il prezzo odierno e l'intervallo di prezzi considerato.
La linea D% è una media mobile dei valori K% (ad esempio 10 giorni) ed è una linea più lenta rispetto alla linea K%. Graficamente, K% è una linea continua, mentre D% è una linea tratteggiata.
Grafico n. 1 - AUTOGRILL giornaliero