Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 9 Dicembre 2016, ore 14.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Basta poco per essere furbi...

1 2 »


"...Basta pensare che sono tutti deficienti". Faccio il verso ad una canzone di Vasco Rossi per richiamare l'attenzione su quanto sta accadendo sui mercati azionari.
C'è qualcuno che fa il furbetto a spese della difficoltà a capire dei risparmiatori che, dopo una buona parte del rialzo di borsa espresso dall'inizio di marzo, si aggregano in scia agli istituzionali alimentando il fuoco del rialzo di borsa estivo, in barba alla stagionalità e alla ciclicità che in altri periodi ha sempre visto i mercati azionari soccombere alla volontà di maggiori riscatti.
Facciamo un po' di ordine...! Dopo 18 anni di bull market strutturale dove, chi più e chi meno, i mercati azionari mondiali hanno performato in modo brillante ed assorbito in modo egregio eventi esterni a fortissimo impatto (vedi Torri Gemelle), una fisiologica correzione era dovuta.
La statistica segnala che storicamente dopo un bull market strutturale sono necessari più o meno 5/6 anni per riportare "sulla terra" gli investitori e ricondurli a più miti guadagni sugli investimenti azionari. Così è stato e così sempre sarà.
La sfortuna ha voluto però che questa fisiologica correzione, innescata nell'estate 2007, incappasse in una crisi sistemica senza precedenti, laddove l'architettura dei mercati finanziari nel suo complesso non è stata in grado di reggere l'urto del "panic selling". Un panic selling generato da una fuga in massa dall'investimento azionario che oltre a non riflettere più valori coerenti con l'economia sottostante (e questo ci può anche stare) ha provocato un effetto domino con effetti dirompenti sulla base dell'economia stessa che sono le imprese.

1 2 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.