Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Sabato 10 Dicembre 2016, ore 13.46
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

A caccia di rane

Il sistema politico, quello di professione, non si arrende. Sono tutti lì, dicono sempre le stesse cose e noi li stiamo ancora a sentire.

Fabio Michettoni
Fabio Michettoni
Direttore Responsabile dell'Agenzia Teleborsa

Le ideologie politiche sono tutte accomunate dall’essere verticali e i partiti politici, tradizionalmente intesi, si aggregano intorno alla loro essenza e al modo di vedere il mondo, traducendo in azione la filosofia di fondo. Per cui è raro, se non impossibile, trovare d’accordo destra e sinistra, conservatori e progressisti, democratici e repubblicani. Le differenze si stratificano divenendo impossibili da abbattere e definiscono, a priori, i criteri di appartenenza all’uno o all’altro schieramento. Ed è proprio la stratificazione delle idee e della contrapposizione il crocevia dell’umana incapacità a reagire al deterioramento politico, ad assumere idee innovative per contrastarlo e che dovrebbero avere poco rispetto al razionale impigrimento o, se vogliamo, alla maggior condivisione di un consenso ricercato sempre più in modo falso e artificioso.

Per chi non conoscesse la metafora della rana nella pentola ricordiamo che è una teoria empirica secondo la quale se metti una rana in una pentola d'acqua bollente, la rana salterà fuori all'istante e sopravviverà, ma se la metti in una pentola d'acqua fredda e poi accendi il fuoco, l'acqua si scalderà lentamente e alla fine la rana morirà bollita perché non riuscirà a capire quando è il momento di saltare fuori.

La metafora calza a pennello con la situazione attuale, laddove la disputa politica, in prossimità delle elezioni, continua a perpetuarsi sugli standard cialtroneschi che l’hanno sempre contraddistinta; gli schieramenti si ripresentano “unti e bisunti” allo stesso modo, sventolando le solite cose da fare e che per uno strano sortilegio, mai pienamente compreso, non si sono mai fatte. Programmi da attuare stralciati, rubati e scopiazzati; schieramenti che perdono i pezzi cammin facendo e pressoché totale latitanza di un nuovo che dovrebbe farsi largo e rispondere al muro di mani tese che chiede a gran voce il cambiamento.

E che succede invece? Succede che a fronte della ventata di cambiamento che si chiede per l’ennesima volta, la lobby della politica professionale reagisce a modo suo. Lo fa con la forza, denigrando l’avversario, lo fa quando può con azioni che spesso sfuggono all'attenzione dei più, ma anche e soprattutto con la comunicazione, infervorando gli animi sulle differenze percentuali tra uno schieramento e l’altro o seppellendo le idee innovatrici sotto gli slogan più inflazionati.

Il problema è che la rana in questo caso siamo noi, sessanta milioni di persone riunite in gruppi di interesse, imprese, città, associazioni, ognuna con i propri interessi da difendere e privilegi da conquistare o mantenere. Per cui davvero non si riesce ad immaginare come si troverà il coraggio di superare tutti questi interessi contrapposti per saltare fuori dalla pentola. Avanti tutta... rane bollite.

Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.