Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 26 Luglio 2016, ore 17.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Wall Street in stand-by, effetto Cina e Fed

Finanza ·
(Teleborsa) - Gli indici statunitensi confermano la debolezza dell'avvio penalizzati dai dati negativi sull'export cinese che hanno confermato il rallentamento in atto dell'economia del Dragone.

Gli investitori restano alla finestra, in attesa della riunione di politica monetaria della BCE in agenda giovedì prossimo e del FOMC della Fed in calendario la prossima settimana. In attesa del grande evento, restano cucite le bocche dei membri del comitato di politica monetaria della Federal Reserve. Ieri, un intervento di due membri votanti - Stanley Fischer e Lael Brainard - non ha suggerito nulla riguardo le decisioni che saranno assunte.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones si attesta sui valori della vigilia a 17.062 punti, mentre, al contrario, in lieve calo l'indice S&P-500, che continua la giornata sotto la parità a 1.994 punti. Pressoché invariato il Nasdaq 100 (+0,09%), come l'S&P 100 (-0,2%).

Beni di consumo primario (+0,70%), Utilities (+0,66%) e Telecomunicazioni (+0,49%) in buona luce sul listino S&P 500. Tra i peggiori della lista del paniere S&P 500, in maggior calo i comparti Energia (-2,78%), Materiali (-1,23%) e Finanziari (-0,89%).

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Nike (+2,24%), Microsoft (+2,10%), Home Depot (+1,75%) e American Express (+1,56%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Caterpillar, che ottiene -2,96%.

Seduta negativa per Du Pont de Nemours, che chiude gli scambi con una perdita dell'1,85%.

Sotto pressione Goldman Sachs, che accusa un calo dell'1,58%.

Scivola Chevron, con un netto svantaggio dell'1,32% dopo aver annunciato previsioni deboli sulla scia del calo dei prezzi del greggio.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.