Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 26 Luglio 2017, ore 16.52
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Energia: approvate modifiche in Commissione. L'irritazione di Calenda

Il Ddl concorrenza lunedì 26 alla Camera per il voto di fiducia. Poi ancora una volta al Senato. Soddisfatto il Presidente Adiconsum De Masi

Economia, Energia, Politica ·
(Teleborsa) - Positiva decisione della X Commissione della Camera per evitare che il servizio di maggior tutela per l'energia sia messo a gara per utenti domestici e piccole imprese. Lo ha dichiarato Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum, che ha espresso la propria soddisfazione. Contrariato, invece, il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda che, con la decisione della Commissioni Finanze e Attività produttive, teme si possa addirittura giungere all'affossamento del Ddl concorrenza.

Si tratta in ogni caso per l'energia di un emendamento presentato e discusso assieme ad analoghi provvedimenti che comprendono anche modifiche che riguardano assicurazioni, telemarketing e società di odontoiatri che approderà a Montecitorio lunedì 26 giugno per essere approvato con voto di fiducia. Dopodiché il decreto tornerà all'esame del Senato.

Per Calenda si tratta di "un segnale negativo sulla strada delle riforme". Il Ministro ha da parte sua ricordato la disponibilità del Governo, "ad affrontare i punti sollevati dagli emendamenti sia attraverso l’accoglimento in sede attuativa di eventuali atti di indirizzo da parte del Parlamento, sia promuovendo, dopo l’approvazione definitiva e senza dar luogo ad un ulteriore ed inutile rinvio, eventuali iniziative di precisazione del testo". Al Senato, il provvedimento sarà comunque approvato solo per le modifiche approvate alla Camera in terza lettura.

Con l'approvazione degli emendamenti che ha riscosso il plauso del Presidente Adiconsum è così passata la linea di una vasta parte della maggioranza, ovvero modificare in Commissione il testo sui quattro punti controversi, tra cui quello sull'energia che ora non prevede più che il servizio di tutela per l'energia sia appunto messo a gara limitatamente ad alcune categorie.

Il servizio di maggior tutela è il regime tariffario stabilito dall'Autorità per l'Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI). Con la completa liberalizzazione del mercato dell'energia (2007), il consumatore può scegliere il fornitore di energia elettrica o di gas che preferisce; tuttavia egli può decidere di non scegliere un offerta del mercato libero e continuare il rapporto di fornitura di energia elettrica o gas alle condizioni interamente regolate sino al giugno 2019.

Il Servizio di Maggior Tutela, ricordiamo, è rivolto alle utenze domestiche, alle utenze per usi diversi dall’abitazione (ossia imprese) o per illuminazione pubblica.

Carlo De Masi, per 12 anni segretario generale della Flaei-Cisl, è stato eletto presidente di Adiconsum la scorsa settimana, l'associazione consumatori sostenuta dalla Cisl.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.