Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 17 Ottobre 2017, ore 09.45
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Migranti, la questione divide il Governo

Le diverse opinioni tra il Ministro dell'Interno Minniti e quello dei Trasporti Delrio hanno creato qualche screzio, ma il Quirinale e Palazzo Chigi cercano di sedare gli animi e confermano la fiducia a Minniti e al suo operato

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - La spinosa questione dei migranti divide il Governo.

Il ministro dell'Interno Minniti non ha partecipato al Consiglio dei Ministri di ieri 7 agosto dopo che da domenica si sono diffuse indiscrezioni sulle divergenze con il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Delrio sulla gestione di una questione che da tempo impensierisce l'Italia.

Dopo che il vertice di Tallinn si è chiuso con un nulla di fatto, il Paese rimane sempre più isolato sulla gestione della marea umana che ogni giorno approda sulle coste tricolore e la stanchezza del Governo di far fronte all'emergenza si fa sentire.

La querelle è nata dalle divergenti opinioni di Minniti e Delrio. Il primo non intende mediare sul codice per le ONG che fanno salvataggi in mare, voluto dallo stesso ministro, assieme alla cooperazione con la Libia e al contributo della Guardia costiera libica .

Di contro, il ministro Delrio è per una linea un po' più morbida. "Non sono contro il codice Minniti, ma se bisogna salvare vite serve la nave più vicina", sostiene il minisrtro in un’intervista a La Repubblica. Il codice di autoregolamentazione per le navi delle ONG che soccorrono i migranti va bene ma vengono prima le regole del diritto internazionale che impongono il soccorso in mare, anche se a effettuarlo sono imbarcazioni di organizzazioni che non hanno sottoscritto l’accordo con il Governo.

Dopo la baruffa sia il Quirinale che Palazzo Chigi hanno gettato acqua sul fuoco, confermando la fiducia a Minniti e al suo operato.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.