Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 18 Agosto 2017, ore 10.59
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Calenda: "Bene la produzione ma ora bisogna insistere"

E' così che il ministro al MISE ha commentato il dato sulla produzione industriale diffuso dall'Istat, dicendo che ora è necessario "stimolare gli investimenti privati, la ricerca, la formazione e l'internazionalizzazione"

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - "La crescita della produzione industriale a giugno è un risultato molto positivo, che batte anche le attese del mercato". E' così che il
Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda commenta i dati relativi alla produzione industriale diffusi oggi 9 agosto dall' Istat.

"In particolare è significativo l'aumento dell’indice dei beni strumentali (+5,1%), che dopo la crisi è tornato a superare i livelli del 2010 e che include i settori interessati dagli incentivi del Piano Industria 4.0. Si conferma così una ripresa sempre più strutturale dell'economia italiana, che auspichiamo si consolidi ulteriormente nei prossimi mesi.

Il balzo del manifatturiero - continua Calenda - è un successo in primis delle imprese italiane che investono, innovano e competono nel mondo. È un risultato raggiunto anche grazie ad una politica industriale incentrata su stimoli automatici all'innovazione ed all'internazionalizzazione: quasi 20 miliardi per il Piano 4.0 con misure come iper e superammortamento, 1 miliardo per il Fondo di Garanzia, il credito di imposta per ricerca e sviluppo e la finanza per la crescita. Sono strumenti importanti che, assieme alla decontribuzione del salario di produttività e alle altre misure per la competitività, stanno cambiando il volto del tessuto manifatturiero italiano". Secondo il Ministro la strada rimane una sola: "quella di insistere sullo stimolo agli investimenti privati, alla ricerca, alla formazione ed all'internazionalizzazione"


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.