Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 28 Settembre 2016, ore 19.21
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

S.O.S. Previdenza Complementare

Andrea Panziera
Andrea Panziera
Docente universitario e dirigente di SIM e SGR
1 2 3 4 5 6 »

Formula Uno
Il sistema pensionistico obbligatorio italiano viene definito "a ripartizione"; questo termine sta a significare che le pensioni di anzianità e vecchiaia erogate a chi ha maturato i requisiti necessari vengono finanziate dai contributi versati dai lavoratori attivi.

Ad oggi il sistema è in equilibrio in quanto la contribuzione degli occupati esistenti copre il monte pensioni pagato ogni mese, ma è noto che due fattori potrebbero nel medio termine compromettere questa situazione: il progressivo invecchiamento della popolazione e la riduzione della natalità. Il sistema dovrà pagare più pensioni per un periodo maggiore a fronte di contributi potenzialmente in calo.

Attualmente circa il 20% della popolazione italiana ha più di 65 anni ed il 5,7% più di 80; fra dieci anni queste percentuali saranno rispettivamente il 25% e il 7,5% circa. Nel 1960 la spesa pensionistica rispetto al PIL ammontava al 5% mentre ora essa è di poco inferiore al 14%.

Questi dati esprimono in tutta evidenza che la condizione attuale di equilibrio poggia su basi molto precarie e che le forme previdenziali su base volontaria divengono sempre più una necessità vista la probabile difficoltà del sistema pubblico ad assicurare anche in futuro livelli di prestazione tali da a garantire un tenore di vita accettabile.

1 2 3 4 5 6 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.