Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 18 Ottobre 2017, ore 13.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Materie prime: Crude Oil (NYMEX)
La settimana da lunedì 30 maggio 2016
Consultare il Glossario per la spiegazione dei termini impiegati.
Altra settimana in rally per il petrolio, che ha continuato a scommettere su una progressiva riduzione dell’eccesso di offerta, per effetto di alcune interruzioni presso Paesi membri dell’OPEC, anche se l’Iran ha ribadito che al vertice del 2 giugno non ridurrà la sua produzione.
Il greggio ha però beneficiato anche del forte calo delle scorte, che stavolta ha sorpreso molto positivamente gli operatori di borsa, ignorando invece le tematiche legate alla congiuntura (PIL americano) e il dibattito sulla politica della Fed (discorso di Yellen e di altri membri del FOMC).
L’ottava chiude con il contratto di giugno sul light crude a 49,33 dollari al barile, in rialzo del 3,3% rispetto ai 47,75 dollari della settimana precedente, dopo aver toccato un massimo a 50,21 dollari e rispetto ad un minimo di 47,40 USD.
Le consuete statistiche settimanali dell’EIA sulle scorte, nella settimana al 20 maggio, hanno evidenziato un forte calo degli stocks di greggio di 4,2 mln a 537,1 mbg, superiore ai 2,5 milioni attesi. Tale livello risulta ora in aumento di 57,7 mln rispetto alla stessa settimana dell’anno precedente. Le scorte di benzine sono invece salite di 2 mln a 240,1 mbg, risultando in aumento di 19,5 mln rispetto alla stessa settimana dell’anno precedente, ma le attese indicavano un calo di 1,1 mln.
Il prezzo medio delle benzine si è mosso al rialzo nella settimana al 23 maggio, con la verde che registra un incremento di 5,8 cent a 230 cent al gallone, prezzo che risulta in calo di 474 cent rispetto all’anno scorso. I prezzi retail del diesel invece sono saliti di 6 cent a 235,7 cent per gallone, segnando un calo di 557 cent rispetto all’anno scorso.
Il grafico giornaliero
Grafico settimanale
Il grafico settimanale
Grafico mensile
Situazione
S&P GSCI - Chiusura settim.371,881
Chiusura settim.49,33
Max settim.50,21
Min settim.47,40
Variazione settim. %3,31
Volumi (contratti/settim.)475765
Trend volumetrico
Variazione da inizio anno %23,39
Gli Indicatori
ρ (rho) % (rif. S&P GSCI)91,48
Volatilità settim. %5,98
R.S.I. 85,97
Media mobile - 5 settim.47,20
Media mobile - 8 settim.45,22
Media mobile - 21 settim.38,56
Resistenza 151,18
Supporto 147,75
Suggerimenti
Indicazione operativaEsaurimento
Take Profit
Livello d'entrata
Stop Loss
Primo livello d'uscita48,36
Secondo livello d'uscita50,56
Rating Average
Analisi Tecnica
Positivo il future sul petrolio quotato al CME che registra la chiusura a quota 49,33. La fase ribassista che sta interessando il corso delle quotazioni presenta una struttura solida e ben impostata, anche se la curva si appresta a testare area 50. Le attese sono per un consolidamento delle quotazioni in area 60, da manifestarsi nel medio periodo.
Commitment of Traders Report
Contratti settimanali Investitori istituzionali
Commercial
Investitori speculativi
Non Commercial
Piccoli investitori
Non Reportable
Posizione Attuali Precedenti Attuali Precedenti Attuali Precedenti
Long 852199 -42178 545390 -22894 108645 -18354
Short 1235910 -46034 151730 -7984 118593 -11583
Differenza -383711 393660 -9948
Trend Open Interest
Posizioni cumulative su Futures e Options     Fonte dati: CFTC.gov
Avviso
Le Informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti Informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali Informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.