Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 22 Luglio 2019, ore 11.52
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

L'Italia: disprezzata per spolparla meglio

La solfa del debito pubblico eccessivo serve a farne carne di porco

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa

Non ha peli sulla lingua Paolo Savona: "I sospetti sulla possibilità di insolvenza del nostro debito pubblico oggettivamente infondati", la sostenibilità del debito pubblico risulta garantita nel momento in cui il suo incremento è mediamente inferiore rispetto al tasso di crescita del PIL.

Parlando in occasione della sua prima Relazione da Presidente della Consob ha affermato che siamo vittime di una mistificazione sistemica: "E' come se l'Italia fosse collocata dentro la ‘caverna di Socrate' dove le luci fioche della conoscenza che in essa penetrano proiettano sulle pareti un'immagine distorta della realtà. Per giunta in presenza di un continuo vociare a senso unico".

E, poi, non ha avuto remore nell'affermare che i giudizi espressi da enti sovranazionali sull'Italia spesso sono "pregiudizi" e non tengono conto della "forza competitiva delle nostre imprese" e del "nostro buon livello di risparmio".

Se si dicesse la verità, questo è il succo del ragionamento, "si restituirebbe ai debiti sovrani, incluso quello italiano, la dignità di ricchezza protetta che a essi attribuiscono giustamente gli investitori": ma a questo punto, si dovrebbero accontentare di ben più modici interessi.

Mala fede? E perché mai?

Dietro la ripetuta sfiducia nei confronti del debito pubblico italiano, c'è dunque una strategia chiara: quella di far soldi, il più possibile.

Ma la colpa è nostra. L'errore fu compiuto, secondo Savona, nel momento in cui l'Italia decise di aderire subito all'euro, nel 2000, pur avendo un debito pubblico superiore al 100% del PIL: non potendo più svalutare per migliorare la sua posizione sull'estero e dovendo invece ridurre l'inflazione per mantenere intatta la competitività commerciale, ha dovuto adottare politiche deflazionistiche.

Come se non bastasse, si assiste ora ad un deflusso di risparmio italiano all'estero: i capitali italiani vanno a finanziare le economie degli altri Paesi, e spesso la nostra concorrenza: una follia.

Discorso chiaro, netto, da uomo politico.

Alcuni sostengono che avrebbe dovuto parlare solo di Borsa, di società quotate, di tecnicalità: fa comodo un travet, uno che guarda solo al tran-tran, senza mai parlare dei Mercati, del loro comportamento, e di chi li influenza malamente. Come se i titoli di Stato non fossero negoziati sui mercati, come se la speculazione non esistesse, come se il risparmio non fosse una risorsa fondamentale della Nazione, tutelato e garantito secondo la Costituzione in ogni sua forma.

La strategia europea del rigore fiscale a tutti i costi si è dimostrata sbagliata: "i tentativi di contenere gli eccessi di debito pubblico con avanzi di bilancio statale hanno manifestato i limiti intrinseci nel raggiungere l'obiettivo di stabilità senza una parallela crescita".

C'è bisogno di regole nuove, razionali, ma c'è ancor più bisogno di verità.

La solfa del debito pubblico eccessivo serve solo a fare carne di porco.

L'Italia: disprezzata per spolparla meglio.
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.