Facebook Pixel
Milano 12-lug
0 0,00%
Nasdaq 12-lug
20.331 +0,59%
Dow Jones 12-lug
40.001 +0,62%
Londra 12-lug
8.253 +0,36%
Francoforte 12-lug
18.748 +1,15%

USA, nuove sanzioni contro rete pro Russia

Nel mirino, in particolare, il leader del network, il trafficante d'armi russo Igor Zimenkov

Economia, Politica
USA, nuove sanzioni contro rete pro Russia
(Teleborsa) - L'Ufficio di controllo dei beni stranieri (OFAC) del dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha imposto sanzioni nei confronti di 22 individui ed entità in più Paesi legati ad una rete di evasione delle sanzioni a sostegno del complesso militare- industriale della Russia. L'azione di oggi - si legge nel comunicato - fa parte della strategia Usa volta a limitare l'accesso della Russia alle entrate necessarie per portare avanti il brutale conflitto in Ucraina.


In particolare, le sanzioni prendono di mira il leader della rete, il trafficante d'armi russo Igor Zimenkov, così come suo figlio e diversi membri della loro rete, per aver fornito alla Russia "dispositivi ad alta tecnologia". Zimenkov e i suoi soci sono stati "coinvolti in molteplici accordi per la sicurezza informatica russa e la vendita di elicotteri" e mantengono stretti rapporti con l'esportatore di armi russo Rosoboronexport, secondo il Tesoro.

Intanto, il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha sottolineato la necessità di aumentare le sanzioni contro la Russia affermando che "lo Stato terrorista deve sentire il prezzo del terrore". "Ho sottolineato la necessità di aumentare le sanzioni contro la Russia e il nostro team ha evidenziato che lo Stato terrorista deve sentire il prezzo del terrore e che la sua capacità di continuare l'aggressione dovrebbe essere limitata", ha detto Zelensky in una conferenza stampa dopo l'incontro a Kiev con il presidente austriaco Alexander Van der Bellen.

Zelensky ha continuato a fare pressioni sulle imprese austriache affinché "intensifichino" la loro cooperazione con l'Ucraina e aiutino a ricostruire e modernizzare i sistemi energetici del paese, esortando le imprese a lasciare la Russia e stabilirsi in Ucraina.
Condividi
```