Facebook Pixel
Milano 17-apr
0 0,00%
Nasdaq 17-apr
17.493,62 -1,24%
Dow Jones 17-apr
37.753,31 -0,12%
Londra 17-apr
7.847,99 +0,35%
Francoforte 17-apr
17.770,02 +0,02%

Energia, Descalzi (Eni): per un piano di sicurezza energetica bisogna tenere conto dei consumi

Economia
Energia, Descalzi (Eni): per un piano di sicurezza energetica bisogna tenere conto dei consumi
(Teleborsa) - L'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha dichiarato che "al mondo nessuno è indipendente dal punto di vista energetico. Solo gli Usa, un grande mercato, hanno energia e attitudine corretta per non dire no a qualsiasi cosa altrimenti non si è indipendenti ma si finisce nel fortino che ti costruisci". In occasione di un convegno sull'indipendeza energetica organizzato da Forza Italia alla Camera, Descalzi ha spiegato che altri paesi "non sono indipendenti ma hanno trovato una diversa indipendenza. Un piano di sicurezza energetica può essere un piano di indipendenza energetica che deve essere fatto da tantissime interconnessioni. L'Italia ad oggi in campo energetico ha quasi il 78% di fonti fossili. "Per fare un piano di sicurezza energetica bisogna fare i conti con i consumi, qual è la domanda, ha aggiunto.

"Giusto parlare dell'energia e dell'indipendenza e di cosa dobbiamo fare ma dobbiamo capire in modo serio che senza energia moriamo e che non possiamo parlare a vanvera – ha poi dichiarato –. Scusate i toni accesi ma ogni tanto penso che siamo arrivati con i nodi al pettine. Siamo in una situazione estremamente difficile, dobbiamo alzare la testa e avere il coraggio di dire le cose che pensiamo". "Abbiamo un grande mercato che si sta atrofizzando e non abbiamo energia nostra e dobbiamo essere molto più aperti. Oggi secondo me è un momento importante, dobbiamo prenderci tutte le nostre responsabilità e capire che siamo agli sgoccioli perché un paese come l'Italia o l'Europa, di grande capacità produttiva, è come una Ferrari che non ha benzina. Quindi dobbiamo guardare al nostro mercato come a un oggetto che si deve muovere".

"Il nucleare è sicuramente un qualcosa al quale non possiamo dire no – ha proseguito –. Abbiamo detto no per troppo tempo. Ci può portare a una indipendenza energetica? Non lo so".

Condividi
```