Facebook Pixel
Milano 21-mag
34.603,61 -0,64%
Nasdaq 21-mag
18.713,8 +0,21%
Dow Jones 21-mag
39.872,99 +0,17%
Londra 21-mag
8.416,45 -0,09%
Francoforte 21-mag
18.726,76 -0,22%

Legacoop, Gamberini: “Disponibili a fare di più su riuso per finalità sociali dei beni confiscati alle mafie”

Economia
Legacoop, Gamberini: “Disponibili a fare di più su riuso per finalità sociali dei beni confiscati alle mafie”
(Teleborsa) - “Siamo disponibili ed interessati a fare di più sul terreno dei beni confiscati alle mafie, convinti che il ruolo sociale della cooperazione può e deve declinarsi anche in questo ambito. È necessario inaugurare una fase di dialogo con i diversi enti coinvolti, per trovare soluzioni comuni, superare diffidenze e affrontare insieme le criticità. Un dialogo che può contribuire ad aumentare il numero dei beni gestiti, a offrire soluzioni nelle fasi transitorie, sempre nel pieno rispetto delle finalità risarcitorie alla base dell’idea di riuso sociale dei beni confiscati, e del principio di trasparenza e pari opportunità, che il codice antimafia richiama chiaramente”.

A dirlo è Simone Gamberini, presidente di Legacoop, in occasione del Seminario “Raccontiamo il bene - Per un rinnovato impegno sui beni confiscati alle mafie”, organizzato da Libera nell’ambito della XXIX Giornata Nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Gamberini ha ricordato che “sin dai primi anni, il sistema Legacoop ha deciso di cogliere la sfida e la responsabilità di dare il proprio contributo affinché i beni confiscati potessero avere una nuova vita, per creare occasioni di lavoro e di economia sociale contribuendo così a dare segnali concreti ai territori. Abbiamo costituito anche l’Agenzia “Cooperare con Libera Terra”, che raccoglie esperienze e competenze del mondo cooperativo di Legacoop da mettere a sostegno dei cooperatori di Libera Terra. Dalle 9 cooperative iniziali di Libera Terra ne sono poi sorte più di 200: cooperative di lavoro e sociali, che hanno giocato un ruolo essenziale nell’avviare percorsi di cambiamento culturale nei territori in cui operano, dando dignità al lavoro e valorizzando le risorse territoriali”.

Il presidente di Legacoop ha sottolineato che alcune cooperative hanno provato ad andare oltre il loro ruolo di gestori dei beni, con un approccio propositivo e disponibile verso gli enti preposti, dando disponibilità a gestire i beni in fase di sequestro e in fasi transitorie, e ad acquistare beni mobili o aziendali dall'Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

“Purtroppo -ha concluso Gamberini- tali disponibilità, che contribuirebbero a dare soluzioni più efficaci al tema del riuso dei beni, non sempre sono state raccolte. Noi siamo convinti che ci sia un obiettivo unico e comune: difendere lo strumento del riuso sociale con i fatti e le esperienze concrete. Per questo ribadiamo la nostra volontà di continuare a dare il nostro apporto, anche stimolando ulteriormente le cooperative a mettersi in gioco su questo e lavorando dal punto di vista culturale in questa direzione”.
Condividi
```