Facebook Pixel
Milano 17:35
34.472 -0,48%
Nasdaq 22:00
19.032 -3,65%
Dow Jones 22:00
39.854 -1,25%
Londra 17:35
8.154 -0,17%
Francoforte 17:35
18.387 -0,92%

Terna, Di Foggia: "Interconnessione con Tunisia rafforza scambi energetici Italia-Africa"

A breve Terna Innovation Zone per sviluppo competenze e occupazione in Tunisia

Energia, Finanza
Terna, Di Foggia: "Interconnessione con Tunisia rafforza scambi energetici Italia-Africa"
(Teleborsa) - "Uno dei progetti che contribuisce a rafforzare il ruolo dell’Italia quale hub energetico nel Mediterraneo è senza dubbio Elmed, il collegamento in corrente continua tra Italia e Nord Africa che Terna realizzerà insieme a STEG. Grazie al progetto, incrementeremo
l’efficienza dello scambio energetico tra le reti dei due continenti e l’integrazione rinnovabili, contribuendo alla maggiore sicurezza dell’approvvigionamento per il Paese". E' quanto affermato da Giuseppina Di Foggia, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna, intervenendo a Selinunte nell'abito del quarto Workshop dei Presidenti Medreg (Associazione dell'Energia del Mediterraneo).

"Con il nostro partner tunisino stiamo lavorando a una collaborazione strategica e paritaria che punta su energia e innovazione, combinando così le aspirazioni del Piano Mattei per l’Africa: oltre allo sviluppo infrastrutturale vogliamo puntare sulla crescita di competenze distintive, supportando le realtà tunisine attive nel campo dell’innovazione tecnologica: sono quindi felice di anticipare
in questo contesto che dopo l’estate sarà operativa 'Terna Innovation Zone', iniziativa con un focus specifico su formazione e attrazione dei talenti per favorire la crescita occupazionale in Tunisia, che sosterrà startup e industria energetica locale".

"Questo - afferma l'Ad - è solo un esempio della nostra visione, sulla quale si basa il Piano Industriale 2024-2028 da oltre 16,5 miliardi di euro di investimenti: Terna lavora per una Twin Transition, energetica e digitale, con impatti positivi su tutti gli stakeholder e sull’ambiente. Investiremo in digitalizzazione circa 2 miliardi di euro nei prossimi cinque anni. L’innovazione sarà per noi un driver strategico per il raggiungimento dei target di decarbonizzazione fissati a livello nazionale e internazionale".
Condividi
```