Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 20 Ottobre 2017, ore 05.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Glossario dei termini economico/finanziari
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Coefficiente di rettifica
Le operazioni straordinarie sul capitale di una società, denominate “corporate actions”, comportano un cambiamento, o meglio una rettifica, del prezzo dell’azione quotata in Borsa. Il prezzo dell’azione rettificato non può essere più confrontato con la serie storica dei dati ante operazione straordinaria. Pertanto, al fine di rendere la serie storica confrontabile con i prezzi futuri del titolo, si procede alla rettifica della stessa serie storica dei prezzi che vengono moltiplicati per un “fattore di rettifica”, calcolato e comunicato dalla Borsa Valori sui cui è quotato il titolo. Le operazioni straordinarie più frequenti sono: Aumento di capitale; Frazionamento azionario; Raggruppamento azionario; Emissione di bond convertibile in azioni. L'operazione di aumento di capitale comporta l'emissione del diritto di opzione che ha un proprio codice ISIN e viene quotato in Borsa, per consentire agli azionisti che non vogliono sottoscrivere l'aumento di capitale di cedere questo diritto, appunto, ad altri investitori interessati. Il diritto di opzione viene scambiato in Borsa per un periodo di tempo limitato e può essere esercitato, a pena di decadenza, per un periodo di tempo (“periodo di opzione”). L'operazione di raggruppamento azionario può comportare il cambiamento del codice ISIN e, alcune volte, il cambiamento della denominazione dell'azione quotata.