Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 24 Novembre 2017, ore 06.51
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Glossario dei termini economico/finanziari
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Gestione di Fondi (GPF)
La Gestione di Fondi è uno strumento d'investimento costituito da un portafoglio di quote di fondi; essa rappresenta la logica evoluzione del concetto di hedge ed il suo obiettivo è di consentire anche ad investitori di media dimensione l'accesso ad un paniere di fondi diversificato, quindi meno rischioso, affidato a professionisti della gestione. Concentrando in un solo strumento, interessanti e sofisticate strategie d'investimento, le gestioni di fondi offrono la possibilità di un elevato livello di personalizzazione del portafoglio scegliendo tra infinite possibili variazioni nella natura e nel tipo di esposizione ai mercati mondiali. Siamo dunque in presenza di un prodotto finanziario che può essere definito di sintesi di altri prodotti già esistenti, ma che secondo gli obiettivi perseguiti ed in base ai principi ispiratori della sua composizione, assume un autonomo profilo di rischio/rendimento. I vantaggi sono costituiti dalla diversificazione che è possibile ottenere con un ammontare d’investimento che è molto più basso rispetto alla somma dei valori d'investimento minimo di ciascun fondo. Inoltre attraverso una gestione di fondi si può superare l'eccessiva riservatezza informativa che caratterizza gli hedge funds., per i quali non sono disponibili dati o documenti di pubblica diffusione circa le loro performances, il loro assetto o le loro strategie. Uno dei fattori che rende meno attraente l'utilizzo di tali strumenti d'investimento, è la struttura dei costi. L'investitore finale, infatti, percepirà un rendimento gravato non solo dalle commissioni di gestione del fondo, ma anche dalle commissioni che spettano ai manager dei fondi componenti. Il profitto ottenuto sarà dunque minore rispetto a quello che avrebbe conseguito investendo personalmente nei singoli fondi che costituiscono il portafoglio.