Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 21 Giugno 2018, ore 21.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Glossario dei termini economico/finanziari
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Vendita allo scoperto (o short selling)
La vendita allo scoperto (o short selling) è la vendita di strumenti finanziari (es. azioni…) non posseduti dall’investitore, con successivo riacquisto da parte dello stesso. L’investitore guadagna se il prezzo dello strumento finanziario scende, mentre perde se il prezzo sale. L’investitore, non avendo i titoli in possesso, deve richiederli in prestito ad un broker per consegnarli alla controparte che li ha acquistati. Per il prestito titoli, viene pagato un interesse annuale al broker in relazione alla durata dell’operazione di vendita allo scoperto. Il broker inoltre richiede all’investitore un margine di garanzia per l’operazione di prestito, chiudendo la posizione d’ufficio in caso di salita eccessiva dei prezzi, visto che la perdita del venditore allo scoperto è potenzialmente illimitata. Nel momento in cui l’investitore decide di chiudere la posizione, acquista sul mercato lo stesso quantitativo di titoli oggetto della precedente operazione di “short selling” e li riconsegna al broker che glieli ha prestati.