Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 20 Ottobre 2018, ore 05.50
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Indici Americani e Asiatici
Ufficio Studi Teleborsa
Consultare il Glossario per la spiegazione dei termini impiegati.
DOW JONES
la settimana da lunedì 15 ottobre
27/04/2018 - h.22,45 Debole l'ottava per l’indice Dow Jones che chiude con un -0,62%. Peggiora molto più delle attese l'attività economica nel Distretto Fed di Chicago nel mese di marzo. L'indice Fed Chicago sull'attività nazionale (CFNAI) si è portato a +0,10 punti dai +0,88 di febbraio (come nella prima lettura). Le attese del mercato avevano preventivato un calo a +0,29 punti. La media mobile a tre mesi nello stesso periodo si è portata a +0,27 punti dai +0,31 precedenti. L'indice CFNAI è una media pesata di ben 85 indicatori che riflettono lo stato di salute dell'attività economica nazionale.
Grafico settimanale
Gli indicatori dell'indice DOW JONES
24167,06 Resistenza 2
Variazione % -0,62
24304,60 Resistenza 1
23,02 Performance da inizio anno %
24311,19 Last
Score 35
24469,53 Supporto 1
debole Outlook
24634,46 Supporto 2
Medium Term
NASDAQ COMPX
la settimana da lunedì 15 ottobre
27/04/2018 - h.22,45 L’indice tecnologico, che include la maggior parte dei colossi tech a stelle e strisce, ha messo a segno una performance debole dello 0,17%. In settimana sono stati pubblicati i conti del primo trimestre 2018 che si è chiuso con utili e ricavi in rialzo per Alphabet, colosso tecnologico che controlla Google. Nei primi tre mesi dell'anno, la società ha messo a segno un risultato netto per 9,4 miliardi di dollari, un balzo del 73% rispetto ai 5,4 miliardi del primo trimestre del 2017. I ricavi sono saliti del 26% a 31,15 miliardi, sopra le previsioni del mercato per 30,29 miliardi.
Grafico settimanale
Gli indicatori dell'indice NASDAQ COMPX
7023,56 Resistenza 2
Variazione % -0,37
7076,36 Resistenza 1
32,26 Performance da inizio anno %
7119,80 Last
Score 45
7189,56 Supporto 1
ripiego Outlook
7302,77 Supporto 2
Medium Term
S&P 500
la settimana da lunedì 15 ottobre
27/04/2018 - h.22,45 L’indice S&P500 ha chiuso la sessione con un .0,01%. In settimana si è registrato una massiccia fuga degli investitori dai titoli di Stato americani, Il rendimento del Treasury decennale statunitense è salito ai massimi da gennaio del 2014 al 2,98%, dopo aver toccato la soglia psicologica del 3%. Movimenti che riflettono le maggiori aspettative per una politica monetaria più aggressiva. Il buono stato di salute della prima economia al mondo e le crescenti pressioni inflazionistiche potrebbero infatti spingere la Federal Reserve a procedere con quattro aumenti del costo del denaro nel corso del 2018, uno in più di quelli preannunciati.
Grafico settimanale
Gli indicatori dell'indice S&P 500
2650,76 Resistenza 2
Variazione % -0,01
2660,86 Resistenza 1
19,25 Performance da inizio anno %
2669,91 Last
Score 35
2679,20 Supporto 1
debole Outlook
2697,54 Supporto 2
Medium Term
NIKKEI 225
la settimana da lunedì 15 ottobre
27/04/2018 - h.22,45 L’indice nipponico ha chiuso l’ottava con una salita dell'1,38%. La Bank of Japan, la banca centrale del paese nipponico, rilascerà nella giornata di venerdì 27 aprile le previsioni di crescita per l'anno che si concluderà a marzo 2021. Il primo anno fiscale in Giappone dopo l'aumento delle imposte previsto al 10% dall'attuale 8%, nell'ottobre 2019. Fonti interne alla banca centrale stimano una fase di crescita abbastanza modesta per il paese del Sol Levante. Il primo ministro Shinzo Abe ha rinviato due volte l'aumento delle tasse, temendo una ripetizione di quanto accaduto nel 2014, quando tassa fu aumentata all'8% dal 5%: l'economia si è contratta e l'inflazione, vista in crescita verso l'obiettivo del 2%, si è rapidamente raffreddata. Ma la banca, ora, ha visioni più ottimistiche rispetto al nuovo aumento, da cui dovrebbero essere esentate le tasse sul cibo, così come sugli asili nido e sugli studi superiori per le famiglie a basso reddito. A marzo, il dato sull'inflazione core, che esclude i prezzi volatili, è aumentata dello 0,9% rispetto all'anno precedente. Il ritmo è stato leggermente più lento del mese precedente, quando il dato aveva toccato l'1% per la prima volta negli ultimi 3 anni.
Grafico settimanale
Gli indicatori dell'indice NIKKEI 225
22232,77 Resistenza 2
Variazione % 1,38
22246,04 Resistenza 1
17,54 Performance da inizio anno %
22467,87 Last
Score 60
22384,07 Supporto 1
acquisto Outlook
22522,10 Supporto 2
Medium Term
Avviso
Le Informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti Informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali Informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.