Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 23 Aprile 2018, ore 17.09
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Indici Americani e Asiatici
Ufficio Studi Teleborsa
Consultare il Glossario per la spiegazione dei termini impiegati.
DOW JONES
la settimana da lunedì 23 aprile
20/04/2018 - h.22,45 Tonica l'ottava per l’indice Dow Jones che chiude con un +0,42%. L'FMI ha ritoccato all'insù le previsioni degli Stati Uniti per quest'anno e l'anno prossimo, grazie all'effetto del taglio delle tasse voluto dal presidente Donald Trump. Il PIL statunitense è atteso in progresso del 2,9% nel 2018 e del 2,7% nel 2019, dopo un +2,3% del 2017. Si tratta di una revisione di 0,2 punti percentuali in entrambi i casi. L'istituto di Washington avverte tuttavia che dal 2022 la crescita rallenterà.
Grafico settimanale
Gli indicatori dell'indice DOW JONES
24166,02 Resistenza 2
Variazione % 0,42
24260,03 Resistenza 1
23,78 Performance da inizio anno %
24462,94 Last
Score 60
24563,06 Supporto 1
stop Outlook
24866,09 Supporto 2
Medium Term
NASDAQ COMPX
la settimana da lunedì 23 aprile
20/04/2018 - h.22,45 L’indice tecnologico, che include la maggior parte dei colossi tech a stelle e strisce, ha messo a segno una performance posiitva dello 0,59%. Migliora più delle attese l'andamento del settore manifatturiero di Philadelphia negli Stati Uniti. Ad aprile l'indice relativo all'attività manifatturiera del distretto Fed di Philadelphia (Philly FED) è salito a 23,2 punti dai 22,3 di febbraio, a fronte dei 20,8 punti attesi degli analisti. Va detto che un indice superiore allo zero indica che all'interno del distretto di Philadelphia ci sono nel settore manifatturiero più imprese ottimiste che pessimiste.
Grafico settimanale
Gli indicatori dell'indice NASDAQ COMPX
7050,31 Resistenza 2
Variazione % 0,56
7076,64 Resistenza 1
32,75 Performance da inizio anno %
7146,13 Last
Score 55
7176,14 Supporto 1
stop Outlook
7275,64 Supporto 2
Medium Term
S&P 500
la settimana da lunedì 23 aprile
20/04/2018 - h.22,45 L’indice S&P500 ha chiuso la sessione con un lieve aumento dello 0,52%. L'economia americana, tra marzo e l'inizio di aprile, ha continuato ad espandersi a un passo tra il "modesto" e il "moderato". E' quanto rileva il Beige Book, il rapporto sulle condizioni dell'economia a stelle e strisce, compilato dalla Federal Reserve e che servirà nel corso della prossima riunione del Federal Open Market Committee (FOMC), in calendario a inizio maggio. I salari invece, continua il rapporto, stanno crescendo in modo modesto. La banca centrale guidata da Jerome Powell rileva, inoltre la preoccupazione delle aziende per l'effetto dei dazi imposti da Donald Trump su pannelli solari, lavatrici, acciaio e alluminio e sulla possibilità che li possa espandere a un migliaio di altri prodotti fatti in Cina. La Fed ha riscontrato un "generalizzato" aumento dei prezzi dell'acciaio, talvolta "notevole" e, le aziende, temono un "ulteriore incremento" dei prezzi, nei prossimi mesi, soprattutto per l'acciaio e per i materiali da costruzione, con conseguente crescita dei prezzi per i consumatori.
Grafico settimanale
Gli indicatori dell'indice S&P 500
2636,92 Resistenza 2
Variazione % 0,52
2646,56 Resistenza 1
19,26 Performance da inizio anno %
2670,14 Last
Score 60
2679,89 Supporto 1
stop Outlook
2713,22 Supporto 2
Medium Term
NIKKEI 225
la settimana da lunedì 23 aprile
20/04/2018 - h.22,45 L’indice nipponico ha chiuso l’ottava con una salita dell'1,76%. In frenata l'inflazione in Giappone. Indicazione che lascia presagire una continuazione degli stimoli monetari da parte della Bank of Japan, messi a punto proprio per risollevare l'inflazione. Secondo l'Ufficio nazionale di statistica, nel mese di marzo, l'indice dei prezzi al consumo (CPI) ha registrato una variazione negativa dello 0,4% su base mensile dal +0,1% del mese precedente, mentre su anno ha riportato una crescita dell'1,1% contro l'1,5% di febbraio. Il dato core che esclude alimentari ed energia scende dello 0,1% a livello congiunturale (+0,1% la lettura prcedente) mentre è salito dello 0,5% tendenziale ad un ritmo inferiore rispetto al +1% di febbraio. Il dato che esclude la sola componente alimentare segna un -0,1% su mese ed un +0,9% su anno.
Grafico settimanale
Gli indicatori dell'indice NIKKEI 225
21885,02 Resistenza 2
Variazione % 1,76
21878,13 Resistenza 1
15,95 Performance da inizio anno %
22162,24 Last
Score 60
22062,85 Supporto 1
acquisto Outlook
22247,57 Supporto 2
Medium Term
Avviso
Le Informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti Informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali Informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.