Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 22 Marzo 2019, ore 02.50
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mercantilismo, lebbra planetaria

In un sistema strutturalmente squilibrato non si salva nessuno

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 3 »

Basta poco per capire gli effetti distruttivi degli squilibri commerciali strutturali, che non si sono affatto sanati in questi dieci anni di crisi. Anzi, i debiti globali si sono accresciuti ancora, perché la liquidità immessa dalle banche centrali è servita per finanziare gli squilibri.

Un sistema economico e finanziario è sano solo quando i conti esteri dei diversi Paesi sono in equilibrio.

Se in un anno, il Paese A vende una certa quantità di merci e servizi al Paese B, ed il Paese B vende altrettanto al Paese A, i loro conti sono equilibrati. Si sono scambiati merci e servizi per il medesimo importo, diciamo di 100 Corone, e nessuno ha né crediti né debiti.

La situazione è diversa se il Paese A vende al Paese B per 100 Corone, mentre il Paese B vende al Paese A solo per 50 Corone. Per pagare, il Paese B deve utilizzare il risparmio dei suoi cittadini, e trasferire 50 Corone di ricchezza interna al Paese A. Se non c'è risparmio sufficiente, dovrà indebitarsi con le banche del Paese A. Alla fine dell'anno, ci si è scambiati merci per 150 Corone, e c'è un debito di 50 Corone del Paese B verso il Paese A. Se questo squilibrio commerciale prosegue per un altro anno, il debito di B verso A arriva a 100 Corone. Se anche il terzo anno c'è questa situazione, il debito arriva a 150 Corone: cresce in modo inarrestabile, perché gli squilibri sottostanti sono strutturali.

Ci sono naturalmente anche gli interessi da pagare: ecco quindi il secondo effetto nefasto: il Paese B non solo è indebitato e deve restituire le rate del capitale preso a prestito, ma deve trovare anche le risorse finanziarie per pagare gli interessi. Sono tutti soldi sottratti agli investimenti ed ai consumi. Il Paese B diviene sempre più indebitato finanziariamente e la sua economia reale sempre più misera e dipendente dalle importazioni.
1 2 3 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.