Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 19 Novembre 2019, ore 18.44
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Floppone... il cavallo non beve più

Pressoché deserta l'asta della BCE per la liquidità a tre anni

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 »

"E' come una corda, la politica monetaria": serve solo a tirar via il cavallo dal secchio dell'acqua, quando ne ha già bevuta troppa. Se c'è inflazione, o la speculazione sui titoli ne porta il valore alle stelle, non c'è che da alzare i tassi e chiudere il rubinetto della liquidità: hai immediatamente l'effetto restrittivo desiderato sul credito, che si fa scarso e più caro. L'economia rallenta immediatamente.

Ma al contrario, non funziona: se non ci sono le condizioni per investire, se gli imprenditori e le famiglie non se la sentono di indebitarsi, puoi offrire i prestiti anche ad interessi zero, ma è inutile.

Si vede proprio che alla BCE guardano solo i monitor dei computer con le quotazioni di tutto il possibile, ma non seguono neppure per caso la pubblicità televisiva. Avrebbero notato che cosa accade, già da mesi, nel settore dell'auto: non c'è più un mercato della vendita per contanti. Non tira più neppure quella a rate, con il ritiro dell'usato supervalutato. Inutile pure proclamare che il TAN, il tasso di interesse annuo sul debito, è pari a zero.

Inutile, dunque, proporre alle famiglie di contrarre un debito per acquistare un'auto nuova: nessuno se la sente. E poi, l'automobile ritirata dal concessionario gli rimarrebbe sul gobbo per chissà quanto tempo, invenduta.

Bisogna inventarsi qualcosa: il noleggio di lungo periodo, a tre anni, con un canone mensile fisso. Interessi zero, naturalmente, perché non c'è un acquisto: si pagano solo le spese della pratica, per accertare che il contraente abbia la disponibilità mensile necessaria. Si paga, è vero, una somma una tantum all'inizio, una sorta di buon'entrata.

E così, la prima asta per la assegnazione di liquidità a tre anni, bandita dalla BCE, è andata pressoché deserta: sono stati assegnati poco più di un paio di miliardi di euro rispetto ai 30-40 miliardi che ci si attendeva.
1 2 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.