Facebook Pixel
Martedì 25 Gennaio 2022, ore 18.52
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Silenzio a Francoforte

La BCE condizionata da vincoli, asimmetrie strutturali e troppi errori

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa
1 2 3 »

"Quieta non movere": si darà un calcio al barattolo, per dirla in modo meno aulico.

Non ci saranno grandi novità, nella prossima riunione:

- chiusura del PEPP a marzo, come da programma;
- prosecuzione del Qe che verrà modulato in funzione dell'andamento dell'economia e dei prezzi;
- mantenimento dei tassi di riferimento ai livelli attuali;
- reinvestimento delle detenzioni di titoli di Stato alle scadenze.




La ventata di rialzo dei tassi di interesse che è già in corso da quasi un anno, riportando ormai ad un soffio dallo zero il tasso negativo sui Bund e facendo lievitare ad oltre 130 punti base lo spread dei BPT, sarà alimentata dalle decisioni della Fed che va giù di tapering avendo già programmato fino a quattro rialzi dei tassi già nel corso del 2022.

Manca un quadro politico ed istituzionale che consenta alla BCE di assumere una strategia chiara. Bisogna rinviarla a dopo: "a dopo" le elezioni del Presidente della Repubblica in Italia ed in Francia; "a dopo" la definizione di un programma che sterilizzi a lungo termine le detenzioni di debiti pubblici accumulati dalla BCE a partire dal 2020 sulla base del PEPP e forse anche di quelli derivanti dal PSPP a partire dal 2013; "a dopo" la riforma del Fiscal Compact.
1 2 3 »
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.